OLIMPIA. GIOVEDI’ SERA LA SEMIFINALE NAZIONALE. COACH SPANAKIS SUONA LA CARICA

olimp all

(foto Olimpia Bergamo)

Bergamo. Giovedì sera al PalaAgnelli andrà in scena la partita di andata tra Olimpia Bergamo e Libertas Brianza, valevole per l’accesso alla Finale di Playoff. Una stagione fino a qui per l’Olimpia di ottima fattura, centrando l’obbiettivo di inizio stagione, ovvero i Playoff, e sfiorando l’impresa nella sfortunata finale di Coppa Italia.

Tra i protagonisti c’è l’Allenatore Alessandro Spanakis, romano classe 78, lo abbiamo incontrato cercando di conoscere le sue sensazioni per l’annata sportiva in corso, le sue ambizioni e il feeling con l’Olimpia Bergamo.

Ciao Alessandro o meglio, Coach, siamo quasi al rush finale, che stagione è stata fino adesso?

olimp all 2

” Finora è stata una stagione entusiasmante. La formula di quest’anno e la relativa riforma dei campionati ha dato vita ad un torneo complicatissimo. 28 squadre e addirittura 18 retrocessioni nella prossima A3. Il nostro primo obiettivo era mantenere questa categoria e lo abbiamo fatto con grande determinazione da parte di tutti.”.

 

Siete rimasti in testa fino a gennaio in Campionato e raggiunto una finale di Coppa Italia, si poteva raccogliere di più oppure si è andati oltre ad ogni previsione?

“Sì, siamo stati in testa al girone fino a gennaio e lo abbiamo fatto vincendo 12 partite su 13 nel girone di andata. Un percorso ben al di sopra di ogni previsione. Sapevamo ci fossero squadre attrezzate per il salto di categoria ma sia in campionato che in coppa abbiamo tenuto testa a tutte le migliori.”.

 

C’è rammarico per quella Finale sfuggita per un soffio?

“Ovviamente c’è rammarico per la Finale di Coppa, eravamo in testa 2-1 giocando un’ottima pallavolo. Piacenza è squadra fortissima e nello sport va accettata anche la sconfitta.”.

 

Che partite si aspetta in questa semifinale?

“In semifinale sarà battaglia vera. Noi abbiamo già giocato contro Cantù e, nonostante le due vittorie, conosciamo il valore dell’avversario. In palio c’è una finale di superlega che non capita ogni anno, per cui entrambi daremo tutto il possibile per venirne fuori vincitori.”

 

Ha legato moltissimo con la città di Bergamo e i suoi tifosi, quanto influiscono sui risultati?

“Senza dubbio mi sento fortunato ad aver avuto l’opportunità di venire in questa città. Ho legato con molte persone speciali e avere un tifo così al palazzetto è incredibile. Il pubblico si sta attaccando sempre di più alla squadra perché si diverte e vede i ragazzi combattere. senza dubbio l’apporto della nostra gente, finora, ha fatto la differenza.”.

 

Cosa si aspetta dal pubblico giovedì sera?

“Per giovedì mi aspetto il Palagnelli pieno, e sarebbe bello vedere tanti cantare e sostenere i ragazzi !”.

Come preparerà queste due gare?

olimp all 4

“Dal punto di vista emotivo non è una gara difficile da preparare. La posta in palio è alta e abbiamo fatto tutti un duro lavoro per arrivare fin qui e tutti hanno grandi motivazioni. Quello che sto facendo è dare delle informazioni utili ai ragazzi nella preparazione tattica e tecnica della gara.”.

 

Di recente ha regalato la sua medaglia d’argento ad un tifoso che lei stesso ha detto di essere d’ispirazione, cosa c’è dietro questo dono?

“E’ stato un piacere poter regalare quella medaglia ad uno dei tifosi a cui sono più affezionato. Persona forte e che non molla mai; per me è fonte di ispirazione, perché mi ricorda che nella vita non bisogna mollare o piangersi addosso, soprattutto noi che abbiamo la fortuna di fare ciò che amiamo.”.

 

In bocca al lupo e forza olimpia

“Crepi…” .

 

Intervista a cura di: Davide Cortinovis  (COPYRIGHT BERGAMOSPORTNEWS.COM)

foto OLIMPIA BERGAMO

 

 

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI