PALLAVOLO PER SORDI. A BERGAMO UN EVENTO MEMORABILE CON CARATURA INTERNAZIONALE

La Champions League per persone sorde è stato certamente un grande evento. Da tutta Europa le squadre partecipanti. Il Palanorda e il Centro Sportivo Italcementi hanno ospitato un competizione che si è distinta per valori umani ma anche, e soprattutto, sportivi. E giova essere precisato. Il livello di gioco che si è visto è stato certamente più che buono. Ma occorre una riflessione. E ci vuole poco. Basta che uno si immagini cosa vuol dire giocare a Pallavolo (o altri sport) senza udire i suoni. I suoni forniscono certamente indicazioni che favoriscono i tempi di azione, e segnalano anche le indicazioni ambientali che condizionano qualsiasi gioco, sport, o azione umana che si voglia.

Ecco…, dopo che uno prova ad immaginare cosa vuol dire tutto questo, si può facilmente rendere conto della grandezza di questi atleti, che non hanno risparmiato battute in salto, schiacciate e bagher in scivolata.

Diversamente abili? Si. Nel senso che hanno dimostrato un’abilità superiore. E questo è sport di eccellenza.

Senza retorica. E’ un dato di fatto.

Complimenti a loro, gli atleti, gli allenatori, gli arbitri e le squadre, e complimenti alla Città di Bergamo per aver fatto centro, ospitando e valorizzando un evento che ha certamente qualcosa di speciale.

Perché lo sport è un suono che viene da dentro.

Ecco i risultati finali:

Bergamo, 25 novembre – Verdellino e Valcanale battono Sorisole. Se non si trattasse della massima competizione continentale, sembrerebbe il derby del campanile. Monica Cagliani e il formidabile libero Katia Zucchelli, due bergamasche sul tetto d’Europa. Sotto le insegne del Gruppo Sportivo Silenziosi Ancona la coppia di atlete di casa hanno trionfato nello scontro fratricida di sabato sera valido per l’assegnazione della quarta Coppa dei Campioni di pallavolo silenziosa. S’è deciso tutto in una giornata campale, una maratona iniziata alle otto e trenta del mattino.

Dopo aver fatto fuori Kiev venerdì ai quarti, il club marchigiano batte al tie-break le pietroburghesi dopo una trepidante gara a rincorsa guadagnandosi e facendo proprio l’atto conclusivo contro il Pavoni Brescia della vicecampionessa olimpica Ilaria Galbusera, killer delle campionesse uscenti del Kaluga alla vigilia e quindi del Novosibirsk per garantirsi l’accesso alla finalissima. Vinta tre set a uno, nella seconda gara su due in giornata al PalaNorda delle Red Devils, un risultato quasi mai in discussione.

In campo maschile Ancona ottiene invece il quinto posto in una competizione serratissima parlata quasi esclusivamente in russo che ha detto bene agli outsider di Novosibirks, capaci di detronizzare all’ultima curva prima del traguardo i campioni uscenti del Surgut. Terzo Kiev, ma per una volta la geopolitica non c’entra: il movimento sordi ha fatto breccia in una Bergamo che ha saputo e voluto accoglierlo.

La Federazione Sport Sordi Italia, appoggiatasi a Esatour per la gestione della kermesse sportiva, ha potuto contare sulla collaborazione dell’Unione Sportiva Sordi di Bergamo, dell’Ente Nazionale Sordi, delle Istituzioni locali, della Guardia di Finanza, dell Coni provinciale, dell’Associazione Italia Cultura Sport e delle due società professionistiche del volley cittadino, Foppapedretti e Caloni Agnelli. Una realtà associativa tutta bergamasca come l’Accademia Allenatori ha garantito l’insostituibile collante organizzativo, concretizzatosi nella gestione quotidiana della manifestazione in ogni suo aspetto, e soprattutto nella creazione della rete di sinergie sul territorio per realizzare un evento inclusivo e fruibile dalla comunità locale.

TERZA E ULTIMA GIORNATA: TUTTI I RISULTATI
Semifinale Donne 5°-8°posto: SK Olympia Praha (CEC) – KV Kyiv (UCR) 1-3 (25-18, 12-25, 18-25, 16-25)
Semifinale Donne 5°-8°posto: Kaluga (RUS) – ASLS Torcy (FRA) 3-0 (25-4, 25-10, 25-3)
Semifinale Donne 1°-4° posto: Sankt Peterburg (RUS) – GSS Ancona (ITA) 2-3 (25-14, 20-25, 25-22, 13-25, 9-15)
Semifinale Donne 1°-4° posto: ASSL Lodovico Pavoni Brescia (ITA) – NCVSM Novosibirsk (RUS) 3-1 (25-15, 25-18, 15-25, 25-21)

Semifinale Uomini 5°-8° posto: AS Poitiers (FRA) – Stade Parisien Sourd (FRA) 0-3 (16-25, 16-25, 23-25)
Semifinale Uomini 5°-8° posto: SK Olympia Praha (CEC) – GSS Ancona (ITA) 0-3 (13-25, 19-25, 20-25)
Semifinale Uomini 1°-4° posto: NCVSM Novosibirsk (RUS) – KV Kyiv (UCR) 3-1 (25-21, 23-25, 25-21, 25-19)
Semifinale Uomini 1°-4° posto: Khmao Ugra Surgut (RUS) – MKSN Mazowsze Warszawa (POL) 3-0 (25-22, 25-16, 25-17)

Finale Donne 9°-10° posto: MKSN Mazowsze Warszawa (POL) – DSV Dorswedo (OLA) 0-3 (18-25, 20-25, 19-25)
Finale Donne 7°-8° posto:  SK Olympia Praha (CEC) –  ASLS Torcy (FRA) 3-0 (25-7, 25-9, 25-15)
Finale Donne 3°-4° posto: Sankt Peterburg (RUS) – NCVSM Novosibirsk (RUS) 2-3 (25-23, 19-25, 25-19, 14-25, 8-15)

Finale Uomini 7°-8° posto: AS Poitiers (FRA) –  SK Olympia Praha (CEC) 0-3 (20-25, 12-25, 14-25)
Finale Donne 5°-6° posto:  KV Kyiv (UCR) – Kaluga (RUS) 0-3 (17-25, 19-25, 12-25)
Finale Uomini 5°-6° posto: Stade Parisien Sourd (FRA) – GSS Ancona (ITA) 0-3 (15-25, 14-25, 14-25)
Finale Uomini 3°-4° posto: KV Kyiv (UCR) – MKSN Mazowsze Warszawa (POL) 3-0 (25-15, 25-18, 25-15)

Finalissima Donne:  GSS Ancona (ITA) – ASSL Lodovico Pavoni Brescia (ITA) 3-1 (25-20, 25-21, 23-25, 25-20)
Finalissima Uomini: NCVSM Novosibirsk (RUS) –  Khmao Ugra Surgut (RUS) 3-2 (25-22, 14-25, 25-16, 23-25, 15-10)

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive





PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI