Bianca Balzarini: Dai pattini agli sci è sempre eccellenza. Prossimo appuntamento: Europei!

balzarini 1

 

Una vita dedicata allo sport quella di Bianca Balzarini, giovane atleta lombarda che diede inizio alla sua carriera muovendo i primi passi sul ghiaccio del palazzetto della Malpensata (BG).

GLI INIZI SULLE LAME

 “Sono nata a Brescia poi, quando avevo due anni, con la mia famiglia ci siamo trasferiti a Bergamo dove ho provato a pattinare sul ghiaccio per la prima volta. In realtà avevo accompagnato  mio fratello Lorenzo a fare una lezione di prova ma, alla fine, io ho deciso di proseguire, mentre lui ha smesso subito. Avevo 3 anni ed inizialmente pattinavo soltanto una volta  alla settimana, anche perché parallelamente avevo iniziato a fare equitazione”

Racconta Bianca che sin dai primi anni di vita, tra ghiaccio e cavalli, dimostra di avere la stoffa di una vera sportiva.

“Poi ho dovuto fare una scelta. Sono dell’idea che sia meglio fare una cosa e farla bene, perciò mi sono focalizzata sul pattinaggio ed ho abbandonato le discipline equestri. Ho quindi iniziato ad aumentare i giorni di allenamento e, dopo qualche anno, sono arrivate le prime competizioni. È stato un crescendo che mi ha condotta fino alla nazionale italiana nell’anno 2008/9”

L’ingresso nella squadra italiana, le gare internazionali e, dopo un paio di anni, nel 2011 arriva la decisione di “appendere i pattini al chiodo”. La Balzarini conclude la sua carriera con i campionati italiani categoria Senior dove gareggia insieme alla super campionessa in carica Carolina Kostner. Un incredibile traguardo quello di trovarsi faccia a faccia con un’atleta del calibro della Kostner.

“Mi sarebbe piaciuto provare a dedicarmi alla disciplina di pattinaggio artistico in coppia” continua Bianca “ma ho fatto fatica a trovare un partner e, nel frattempo, sono arrivata alla conclusione dei miei studi alle scuole superiori, dunque era arrivato il momento di prendere una decisione anche sul fronte università. Alla fine ho scelto di trasferirmi a Milano per seguire i corsi di scienze dell’alimentazione e nutrizione umana, abbandonando definitivamente il pattinaggio sul ghiaccio nelle vesti di atleta.”

 “Poi ho dovuto fare una scelta. Sono dell’idea che sia meglio fare una cosa e farla bene, perciò mi sono focalizzata sul pattinaggio ed ho abbandonato le discipline equestri. Ho quindi iniziato ad aumentare i giorni di allenamento e, dopo qualche anno, sono arrivate le prime competizioni. È stato un crescendo che mi ha condotta fino alla nazionale italiana nell’anno 2008/9”

balzarini 4

L’ATLETA DIVIENE MAESTRA, DOTTORESSA E POI DI NUOVO ATLETA

“Durante gli studi universitari, ho deciso di perseguire anche il titolo di maestro di base di pattinaggio grazie al quale ho potuto seguire per una stagione un gruppo di giovani  pattinatrici  in Valle Camonica.” Continua Bianca spiegando come sia stato difficile interpretare questo nuovo ruolo.

“Non ho mai smesso di sentirmi atleta, anche quando mi sono trovata ad insegnare. Sentivo che avevo ancora da dare come agonista, così, concluso il percorso di studi e superato l’esame di stato, ho cambiato nuovamente rotta.”

Insegnante di base, dottoressa in nutrizione ed ex  atleta della squadra nazionale italiana. Un mix di capacità brillantemente messe a frutto con grande determinazione.

balzarini 3

DALLE LAME DEI PATTINI ALLE LAMINE DEGLI SCI

“ Mio padre pratica da sempre sci d’alpinismo ed è stato grazie a lui che ho deciso di provare questo sport. Anche in questo caso ho iniziato per gioco finchè ho conosciuto il mio attuale compagno Daniele Cappelletti, anche lui sciatore professionista, che è diventato per me una fondamentale guida in questa disciplina .”

 Gli allenamenti si intensificano ed arrivano le prime competizioni con risultati subito notevoli, a tal punto che oggi Bianca è in attesa di partecipare ai Campionati Europei di sci d’alpinismo che si svolgeranno sull’Etna a fine Febbraio. Ma prima di questi, le avventure sugli sci l’hanno spinta fino in Cina!

“L’anno scorso ho partecipato ad una spedizione nel Quinghai, una provincia nel sud-ovest della Cina, a nord del Tibet. È stata un’esperienza bellissima, abbiamo dormito in tenda sugli altopiani cinesi, qualcosa che non avevo mai provato prima. Data la bellezza di questa spedizione, quest’anno ho deciso di rinunciare ad una gara di coppa Italia per partecipare ad un’altra escursione nella Cina del nord.”

La giovane sciatrice racconta del lungo viaggio: 3 aerei + 7 ore di pullman per arrivare in villaggetti meravigliosi e molto caratteristici. “ c’erano 30 gradi sotto lo zero ma il clima era piuttosto secco quindi ok, la situazione era fattibile. L’obiettivo di questa seconda escursione cinese è stato quello di effettuare un sopralluogo per verificare la possibilità di organizzare una vera e propria gara che si terrebbe il prossimo anno in quella zona.”

balzarini 7

DAGLI ALTOPIANI CINESI SI INTRAVEDE L’ETNA

Ebbene si, dalla Cina all’Italia per conquistarsi il posto per gli europei.

“ Fino a pochi giorni fa il mio focus si è concentrato completamente sulle gare di coppa Italia perché è attraverso queste che si sarebbe deciso chi sarebbe stato mandato agli europei. Ho ottenuto due secondi posti, due buoni risultati che hanno portato con se la convocazione sperata”.

Risultati davvero stupefacenti per una ragazza che si è accostata a questa disciplina solamente qualche anno fa. Ma come si diventa atleti di calibro internazionale?

BICI, CORSA, SKIROLL E DISCIPLINA

“ Vengo da una famiglia piuttosto sportiva: mia mamma è stata una cavallerizza agonista, mio padre correva in moto ed anche lui ha partecipato con buoni risultati a gare internazionali di enduro così come mio fratello. Quindi di base c’e una cultura famigliare” spiega Bianca “ in oltre a me piace proprio lo stile di vita dell’atleta:  mi piace allenarmi e condividere il contesto sportivo con le persone che mi sono vicine. Non ho mai vissuto nulla di tutto questo come una rinuncia anzi, mi sento molto appagata da quello che faccio”

La stagione agonistica ha inizio verso metà Dicembre, culmina a Febbraio per poi terminate a fine Aprile e nel frattempo cosa si fa?

“Personalmente in estate faccio una preparazione non specifica a base di corsa e bici. Tra Ottobre e Novembre inizio con lo Skiroll per poi spostarmi sui ghiacciai appena arriva la neve.”

6 giorni su 7 di allenamenti, alimentazione varia ed equilibrata e sensibilità rispetto al proprio corpo per comprenderne le necessità del momento. Questa è la formula di Bianca per affrontare al meglio ogni momento della stagione sportiva.

balzarini 5

balzarini 2

 

UNA SUPER DOTTORESSA

In tutto questo Bianca è anche riuscita, come già accennato, a guadagnarsi il titolo di nutrizionista, conseguendo il diploma di Laurea all’università di Milano prima e superando l’esame di stato per l’iscrizione all’albo

Tantissimi complimenti a Bianca per gli ottimi risultati ottenuti ed un grandissimo in bocca al lupo per le future competizioni!

 

servizio a cura di : Giorgia Bombardieri

 

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI