URBAN RAID. GRANDE SUCCESSO ALLA PRIMA EDIZIONE

Si è felicemente concluso Domenica 20 settembre al campo della Fara di Bergamo il primo “Urban Raid”, una gara a tempo su più prove. Mountain bike, discesa dalle Mura con la corda, orientamento, corsa e teleferica. In campo le categorìe “Pro” (atleti tesserati), donne   amatori e bambini(con un percorso a loro riservato). Nei Pro vittoria del Team Pedini (Mi) di Roberto Mattioli, Marco Pontieri e Andrea Visioli(nella foto). Spiagames, l’associazione sportiva organizzatrice, capitanata da Tomaso Luzzana, ha fatto centro. Per numero di iscritti (ben 50 squadre), per la perfetta organizzazione, che ha garantito uno svolgimento nella massima sicurezza, e per l’entusiasmo manifestato da concorrenti e pubblico. Tra i passanti incuriositi anche Cristina Parodi. Ecco il fotoreportage.

I tre vincitori della categorìa Pro, membri del Team Pedini, non hanno dubbi:

“E’ stata una gara molto bella. Tante squadre e una città perfetta per questo tipo di competizioni. La nostra arma vincente è stata l’esperienza e l’affiatamento nel gruppo. Speriamo che, a breve, possa nascere un circuito per questo sport, con più eventi collegati.”

2° team classificato cat.Pro : IFK BOMBARDA (Marco Colombo, Stefano Mattiotti e Jacopo Benini)

3° team classificato cat.Pro: BG EXTREAM (Cristina Sonzogni, Pietro Poma, Luca Lamperti)

Nella categorìa Amatori :

1° posto per il team LE CANOVINE (Simone Locatelli, Michele Bettinelli e Sergio Bortolotti).(nella foto)

2° posto per il team SHAWERMA (Diego Mosca, Raffaele Sonzogni e Riccardo Begnis).

3° posto per il team MA MAL (Simone Pirola, Patrick Morganti e Andrea Gotti).

Nella categorìa Donne:

1° posto per il team GARBON BIKE (Giuliana Garbagnati, Giusy Caruso e Fausta Zambelli)

In evidenza anche il team BIGNOCCHE (Heidi Ida Juliano, Michela Milesi e Romina Rossi)

Giuliana Garbagnati (nella foto):

“La prova che mi è piaciuta di più è stata quella di Orientamento. Abbiamo vinto grazie allo spirito di aggregazione che si è creato in squadra.”

Nella categorìa Bambini vittoria per il team composto da Beatrice Rovaris, Daniele Facchin e Pietro Rovaris.

L’Urban Raid è stato un divertimento per i partecipanti, ma anche per le persone che passeggiavano sulle Mura. Tra queste anche la bella e famosa giornalista-conduttrice televisiva Cristina Parodi(nella foto):

“Questa è certamente una bella iniziativa, soprattutto per i giovani, ma anche per Città Alta e per i Colli di Bergamo, che ne escono valorizzati. E’ una cosa divertente da vedere.”.

Ecco il team  ungherese (anche se residenti in Italia) che ha preso parte all’Urban Raid. Laszlo Krutek, Attila Sazs Kolumban e Katja Wilhelmus :

“L’Urban Raid è una gara affascinante. Bello il percorso. Siamo soddisfatti.”.

Krutek è uno specialista del Triathlon e Domenica prossima, 27 settembre, parteciperà al famoso “Iron Man“, che si terrà all’Isola d’Elba:

“Non potevo trovare un allenamento migliore.”.

Giorgio Antonioli:

“Il percorso in bicicletta era bellissimo. La discesa con corda e carrucola è stata davvero emozionante. Per fare questa gara ci siamo preparati.”.

Ad aggiungere spettacolo allo spettacolo una parata di Vespe e Lambrette, che hanno percorso le Mura. (curioso il conducente della Vespa a sinistra nella foto…).

Urban Raid è stato possibile grazie a Spiagames, Comune di Bergamo, Provincia di Bergamo, Regione Lombardia, Bonaldi auto e Ferrino equipaggiamenti.

Tomaso Luzzana, nella conferenza-stampa, aveva rimarcato il concetto di sport “outdoor”, che non significa solo sport all’aperto. Una partita di calcio non è infatti outdoor.

Dopo aver visto l’Urban Raid le idee sono più chiare. Outdoor significa sport senza recinzioni e senza cancelli. Outdoor vuol dire essenzialmente…libertà.

Nella foto sopra tutti i partecipanti e gli organizzatori si sono seduti sul prato della Fara, accomunati da un unico grido:

Urban Raid!!! “

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI