AURORA SERIATE, MISTER INVERSINI: “OTTIMO PRECAMPIONATO, MA IL DIFFICILE DEVE ANCORA ARRIVARE”

L’Aurora Seriate del patron Aldo Terzi si appresta a disputare le prime partite ufficiali del nuovo corso 2010/2011 al fianco del neo allenatore Luca Inversini. Giunte al termine le due settimane di ritiro in quel di Serina la formazione rossoblù può ritenersi soddisfatta in seguito alle vittorie delle tre amichevoli previste contro Montichiari, Brusaporto e Grassobbio. Leggi il commento di questa prima fase di preparazione arricchita dall’intervista di Mister Inversini in esclusiva per Bergamosportnews.

Che L’Aurora Seriate voglia fare un campionato di vertice, dopo la scorsa ottima stagione, non è più certo un segreto. Durante questa pausa estiva, tra nuovi arrivi e diverse partenze, lo stesso Presidente Terzi non ha mai nascosto l’intenzione di voler vedere la sua squadra sul “cucuzzolo” della classifica, soprattutto alla fine del campionato … E cosi tecnico e giocatori si sono ritrovati in ritiro a Serina per due settimane di intenso lavoro in preparazione alla nuova annata calcistica. Durante questo periodo di tempo sono state organizzate ben tre amichevoli con i pari di categoria del Montichiari e con altre due squadre di Prima Categoria quali Brusaporto e Fiorente Grassobbio. La più temuta, quella contro la compagine bresciana, è finita con un 2-1 convincente per i seriani ed ha rappresentato un test importante che ha dimostrato la personalità della squadra di Inversini. I restanti match hanno confermato lo stato di forma dell’Aurora che ha messo in saccoccia altre due vittorie con un secco 3-0 rifilato al Brusaporto e con un 2-0 imposto contro il Grassobbio . Mister Inversini in queste occasioni non ha esitato a provare tutti i suoi effettivi mischiando le carte tra il primo e il secondo tempo delle partite. In linea generale la squadra si è mostrata dotata di grande personalità, professionalità e voglia di spingere sugli avversari. In evidenza importanti tasselli offensivi come Zigrino, giovane attaccante esterno che sembrava in procinto di lasciare la società e che invece rimane tra i suoi compagni rossoblù. Ben due le reti messe a segno da lui nel corso delle amichevoli. Bene anche Bertacchi e il nuovo acquisto Bojanic (la passata stagione in forza al Castegnato) che hanno dato vigore al tridente d’attacco messo in campo da Inversini. Ma arrivano note positive anche dai nuovi Vismara (difensore) e l’esperto portiere Locatelli, per continuare con i nuovi giovani giunti alla corte del tecnico bresciano tra cui Angossini, difensore classe 1991 e il centrocampista del ’92 Avanzini. E poi i coetanei Bosna, Manera e Bonetti. Ma in realtà la “macchina Aurora Seriate” ha funzionato grazie all’aiuto di tutti: giovani e meno giovani, nuovi arrivati e confermati.

Ma passiamo alle parole del tecnico della squadra rossoblù:

Mister, il ritiro precampionato è giunto al termine. Come sta la squadra dal punto di vista fisico e psichico?

Guarda, il ritiro è stato pesante, abbiamo lavorato e corso moltissimo e il caldo non ha certo aiutato … Del resto però avevo chiesto proprio questo ai ragazzi, soffrire e lavorare e loro hanno risposto sempre alla grande, nei limiti del possibile ovviamente. Per quanto riguarda l’aspetto mentale i ragazzi stanno bene. Contro il Brusaporto ad esempio ho voluto che facessero una prestazione proprio puntando più sull’aspetto psicologico che su quello fisico e si sono dimostrati all’altezza.

Ha le idee chiare su come impostare il gioco dei suoi nelle prossime gare ufficiali oppure si è ancora in fase di sperimentazione?

Be’, considerando che sono un nuovo arrivato penso sia normale avere la necessità di modificare qualcosa nell’aspetto tecnico tattico in occasione delle prime uscite. Ciononostante abbiamo già delle certezze, ovvero la difesa a quattro e l’attacco a tre.

Dica la verità, Lei ha già in mente i suoi undici fissi oppure chiunque può ritenersi titolare?

Direi che tutti gli allenatori hanno in mente quegli undici – dodici giocatori “preferiti”, ma nessuno dovrà dormire sugli allori. Dai miei giocatori mi aspetto che ripettino le mie scelte in base a ciò che riterrò opportuno in un determinato momento. Ad esempio inizialmente darò spazio a gente più rodata, e mi riferisco ai vari Marchesi M., Bojanic (che vedendolo dopo gli anni scorsi ho notato un netto miglioramento), Gotti … ma positivi ho visto anche Bosna, i giovani provenienti dal Montichiari e tanti altri.

Appunto i giovani e i nuovi … si sono ambientati bene nella nuova squadra?

Il primo giorno di raduno io non ho parlato di tecnica o tattica, ho puntato proprio a creare solidità e intesa tra il gruppo, proprio per dar modo ai nuovi di inserirsi nel clima dello spogliatoio. Da questo punto di vista non credo che gli ultimi acquisti abbiano avuto problemi di ambientamento.

Si aspettava queste vittorie nelle amichevoli?

In realtà devo dire di no sinceramente … Magari contro il Montichiari ero più sicuro di fare bene perché era la prima partita e anche dal punto di vista mentale sapevo che i ragazzi avrebbero messo più agonismo in campo contro una squadra di pari livello, ma con il Brusaporto ee il Grassobbio pensavo che avrebbero mollato un po’ la presa. Cosi non è stato e ne sono molto soddisfatto.

Una parentesi di mercato: Zigrino era dato per partente, invece poi è rimasto.

Si è rimasto e siamo davvero tutti contenti per questo, lui compreso. Sono fortunato ad avere un simile giocatore, scaltro, veloce, davvero un buon atleta.

Lei che ha un ottima esperienza nel calcio dilettantistico specialmente, quale pensa sia il segreto di raggiungere e mantenere i vertici della classifica fino alla fine della stagione?

Dal punto di vista atletico si ottengono simili risultati con il lavoro, rimanendo uniti e correndo! Dal punto di vista umano bisogna essere uomini, persone vere.

Sarà un campionato equilibrato o secondo Lei ci sono già delle favorite?

Credo che quest’anno il campionato sarà combattuto e non lo dico per banalità. Ci sono le formazioni bresciane ad esempio che sono toste e anche molte società neo promosse sono molto valide. Dovremmo lavorare tanto.


Lavoro e caparbietà quindi saranno gli ingredienti fondamentali per affrontare una stagione difficile come quella che si prospetta. Adesso l’Aurora comincerà a fare sul serio: già mercoledì 25 Agosto ci sarà l primo turno di Coppa Italia contro il Real Mornico, promosso proprio quest’anno in Eccellenza. La parola passa al campo.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI