BASKET REMER TREVIGLIO. IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI GABRIELE COLOMBO

(Tommaso Marino infernale contro Omegna)

Inizio di stagione altalenante per la Remer Treviglio ma l’equilibrio del Campionato DNA Adecco Silver aiuta a mantenere la posizione di classifica a ridosso del gruppone delle prime cinque. Domenica trasferta difficile a Ferrara per le assenze di Marino e dell’americano Gadson

Remer la stagione per ora è … in pareggio

Dopo sei giornate di campionato il bilancio in casa Remer è in pareggio con tre vittorie ed altrettante sconfitte. La composizione dei risultati però potrebbe far pendere la bilancia sul versante negativo in virtù della sconfitta casalinga patita nell’ultima gara contro Mantova. Vero è che la prima (e unica) vittoria in trasferta contro Ravenna assume oggi un valore in virtù del piazzamento in classifica dei romagnoli. Ed a proposito di classifica a testimonianza di un sostanziale equilibrio si osserva che non vi sono squadre imbattute e che a quota otto vi sono ben cinque formazioni su sedici. Ma vediamo cosa è successo settimana scorsa in casa Treviglio dopo che nelle prime quattro giornate Rossi e compagni hanno violato il campo di Ravenna all’esordio (65-67), vinto bene in casa con Firenze (84-70), perso di poco a Matera (78-69) e perso ma all’overtime a Lucca (100-97).

Il rubinetto che perde è quello di Omegna

Sfida nella sfida è stata la gara contro la super Paffoni Omegna in relazione alla tipologia merceologica uguale dei due sponsor che supportavano le contendenti. Alla fine il rubinetto che non ha perso è stato quello di … Tommaso Marino il playmaker della Remer Treviglio che con una prestazione monstre ha demolito le “guarnizioni” avversarie. Che fosse un’ottima squadra quella allenata da Gianpaolo Di Lorenzo non era una novità. Ed infatti condotta per mano dal suo regista Mike James (26 pti per 39 di valutazione!) Omegna dopo un avvio favorevole a Treviglio propiziato dalla coppia Ihedioha-Kyzlink prendeva le redini dell’incontro nel secondo e terzo periodo. Qui da rimarcare la micidiale precisione al tiro di Omegna al riposo lungo (70% da due contro il 44% di Treviglio) e nel terzo periodo l’annotazione sul nostro block notes di una Remer che fatica in attacco combinando diversi pasticci al cospetto della solidità organica mostrata invece dalla Paffoni. Ad inizio ultimo quarto il punteggio di 51-59 evidenziava ulteriormente le difficoltà di Rossi e compagni a contenere la verve offensiva degli ospiti (63% da 2 e 25% da 3) mentre Vertemati decideva di rinunciare ai “suoi” stranieri proponendo un quintetto tutto made in Italy. Serviva una scossa e come si dice in certi casi non è bene fare i conti senza l’oste che in questo caso assumeva le sembianze prima di Tommaso “Hood” Carnovali autore di un triplete da 3 che ridava fiato e morale alla Squadra ed a tutto il PalaFacchetti riportando in testa la Remer (63-61 al 34’). Poi il costume del padrone dell’osteria passava all’altro Tommaso ovvero Marino che infilava ben 17 punti in 10’ da favola risultando un puledro indomabile per il diretto avversario (James) e per tutta la Paffoni. Penetrazioni con falli a favore e liberi convertiti (11/12), assist (9) e tiri (7/15) a segno a corredo di una super gara da 30 punti e 39 di valutazione. Con i tommy-boy anche Tomas (toh!) Kyzlink si metteva in luce (12 x lui alla fine) mentre sotto canestro il duo Rossi-Ihedioha confezionava un bottino di 15 rimbalzi sul totale di 31 della Squadra. Unica nota stonata la prova dentro e fuori dal campo di Novar Gadson totalmente non in partita: capita e bisogna comunque dar tempo al moro di Philadelphia di rifarsi. Alla fine grande gioia in campo e fuori con il pubblico giustamente in festa con la sua Squadra perché la vittoria è stata davvero grande contro Omegna.

(Tommaso Carnovali “on-fire” da tre contro la Paffoni)

Il “pasticcio” mantovano

Non sappiamo se esiste come piatto tipico ma la Remer domenica scorsa di fatto lo ha inventato. Il pasticcio mantovano confezionato al termine di una gara a dir poco scellerata è stato il risultato di cinque minuti di buio totale conseguenti all’uscita di Tommaso Marino per infortunio (una lesione del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro prognosi da valutare). Fin lì pur non brillando il play senese aveva in mano la Squadra (2 pti ma 7 assist) che tra l’altro aveva in Lele Rossi il suo condottiero. Il pivot romano ha totalizzato ben 25 punti e 22 rimbalzi per un 40 di valutazione: cifre super purtroppo vanificate da una sconfitta maturata dal 35esimo in poi. Fin lì Mantova faticava ben oltre ed il divario di 14 punti ottenuto al 26’ (57-43) lo testimoniava. Gara in controllo pensavano tutti giocatori trevigliesi compresi probabilmente sottovalutando l’orgoglio degli uomini di Morea che invece, sfruttando un arbitraggio a dir poco permissivo, rosicchiavano punto su punto ad una spenta Remer. Erano Alibegovic e capitan Losi (gravato di 4 falli sin dal 26’ …) a tener vive le speranze per Mantova che si concretizzavano quando, proprio una tripla del capitano ospite, a 1’ e 46” dalla fine, fissava il tabellone sul 67-68 tra lo stupore e la delusione di tutti i presenti. Purtroppo già da alcuni minuti però la Remer non ci stava capendo più niente e prova ne erano le scelte scellerate di Alessandri e Gadson (quest’ultimo ancora troppo inconsistente) che naufragavano sulle braccia protese dei lunghi mantovani Jefferson (5 stoppate) e Clemente. La sirena premiava giustamente la rimonta di Mantova mentre la Remer usciva a testa bassa con tanti dubbi nella testa primo fra tutti il fatto che tolta la leadership di Marino ora la guida della formazione dovrà essere affidata al duo Alessandri-Flaccadori che dovranno dimostrare di meritare il ruolo loro assegnato dal destino.

(Lele Rossi il Capitano ha messo la doppia doppia con Mantova .. ma non è bastato)

A Ferrara con carattere

Sarà una prova importante per il team di Adriano Vertemati quella di domenica a Ferrara nella quale si dovrà verificare la tenuta di Squadra senza il suo indiscusso leader. La formazione estense è lì due punti avanti in classifica avendo vinto con Lucca, Corato (fuori), Agrigento e Firenze (fuori) e perso con Matera e Omegna (casa). Mai dire mai in questi casi e l’esempio è fresco fresco di Mantova che, secondo gli “addetti ai lavori”, era già data per spacciata in partenza a Treviglio. Appuntamento per tutti davanti al computer alle 18.00 di domenica sul sito www.blubasket.it

Gabriele Colombo


Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI