COMARK NON CI VOLEVA LA SCONFITTA CONTRO FIDENZA

Gabriele Demartini il regista della Comark che domenica dovrà guidare i suoi compagni contro la corazzata Bologna

Pur priva di due giocatori (Agostini e Magro) e con qualche altro acciaccato (l’ex Nanut) la Fulgor Fidenza reduce dalla batosta di Riva del Garda (-43 ndr) ha saputo imporsi su una CoMark apparsa spaesata e incapace di imporre la propria maggiore caratura attuale. Troppi elementi fuori condizione più mentale che fisica e troppi i palloni persi (18 …) in casa Treviglio soprattutto in momenti chiave del match.

Così come quattro giorni prima in casa contro Osimo anche in terra emiliana Reati e compagni stentavano all’inizio ad entrare subito in partita complice un atteggiamento difensivo troppo rilassato che lasciava spazio alle giocate degli avversari.

Nel primo quarto i bianco blu si trovano sempre ad inseguire i padroni di casa: 11-7 al 5’ e testa a testa fino al riposo chiuso a meno 2 con Zanella in bella evidenza. Morandi rimescolava il quintetto iniziale ma nella ripresa la musica non cambiava e l’unica nota positiva era che Reati si “svegliava” dal torpore agonistico ed iniziava a macinare canestri.

Era il terzo periodo il tempo nel quale la CoMark illudeva i supporters venuti numerosi da Treviglio. Con una tripla di reati al 27 Treviglio toccava il massimo vantaggio (49-55 al 27’) e lo scarto veniva conservato fino alla fine del quarto. Due canestri da tre di Furlanetto, forse il migliore dei suoi, rimettevano le cose a posto e si proseguiva punto a punto. Una bella sequenza dai 6,25 di Milani serviva solo a mantenere il contatto con Fidenza mentre nei minuti finali emergevano gli attuali limiti della CoMark nella gestione dei palloni decisivi.

Errori dalla lunetta e palle perse condannavano i trevigliesi ad una sconfitta che per coach Morandi e non solo per lui «È assolutamente più grave rispetto anche a quella di Osimo all’esordio. Soprattutto perché ci avrebbe permesso non solo di portarci a due sole lunghezze dal quarto posto, attualmente occupato da Brescia, ma anche perché avrebbe significato un passo pressoché definitivo verso i playoff». Questo il commento dell’allenatore bresciano condivisibile in toto soprattutto in vista di quello che attende la CoMark nelle prossime tre gare.

Domenica a Treviglio (PalaFacchetti ore 18.00) sarà ospite la capolista Fortitudo Bologna ex nobile decaduta della serie A poi Treviglo andrà a Brescia e di nuovo in casa contro Forlì altra capoclassifica. Un gennaio terribile dunque per Reati e compagni che devono necessariamente resettare al più presto la loro mente e ritrovare la forza caratteriale che li ha guidati ai successi del 2009.

Siram Fulgor Fidenza 83 (17 40 55)

CoMark Treviglio 80 (15 38 61)

Siram: Marchetti 4, Cornacchione 1, Bonacini 18, Gatti ne, Nanut 15, Molinari ne, Lorenzetto 9, Furlanetto 19, Micevic 13, Avanzini 4. All.Ghizzinardi. Tiri da 2 22/38 Tiri da 3 7/27 Tiri liberi 18/26 Rimbalzi 35

CoMark: Minessi 12, Planezio, Degli Agosti, Reati 21, Milani 9, Moruzzi 8, Demartini 8, Zanella 17, De Min, Da Ros 5. All. Morandi. Tiri da 2 18/29 Tiri da 3 8/26 Tiri liberi 20/27. Rimbalzi 35

Arbitri: Bartoli e De Gobbis di Trieste.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI