LA RELAZIONE DEL PRESIDENTE MICHELE GAMBA

Michele Gamba, sabato 7 febbraio, all' Auditorium "Fausto e Gianni Radici", presso la Cittadella dello Sport, dove ha sede la FCI Bergamo, è stato rieletto per la terza volta Presidente del Comitato Provinciale di Bergamo della Federazione Ciclistica Italiana. Ecco una breve presentazione e la Relazione ufficiale del Presidente sulla gestione del Comitato.


Michele Gamba, ex Dirigente bancario, ha iniziato la sua avventura del mondo del Ciclismo a 14 anni, ciclista tesserato in una società di Seriate. Nel 1983 ha iniziato a lavorare come Segretario per la S.C. "Pedale brembillese", dove correva il figlio Francesco. Poi è diventato Organizzatore e Direttore di Corsa. Nel 1998 ha raggiunto la carica federale di Responsabile dei Direttori di Corsa e dal 2001 è Presidente della Federciclismo bergamasca.

Per questo terzo quadriennio il Presidente Gamba si farà coadiuvare da 6 nuovi collaboratori:

Basilio Busetti, Aldo Epis, Stefano Gritti, Silvio Milani, Pierluigi Carminati e Claudio Moloni .

Ecco la RELAZIONE INTEGRALE di Michele Gamba :

 

Un cordiale saluto a tutte le Società presenti, alle Autorità, al Presidente dell’Assemblea, agli Organi preposti alla verifica poteri ed alla Commissione di scrutinio.

Altri quattro anni sono velocemente passati da quando ho avuto l’onore di essere eletto per un secondo mandato come Presidente provinciale di un Comitato, quello di Bergamo, complesso ed importante, fra i primi a livello nazionale. Il rinnovo della fiducia nei miei confronti, da parte del movimento ciclistico bergamasco, è stato per me gratificante e mi ha concesso l’opportunità di consolidare amicizie e relazioni acquisite nei primi quattro anni, nonché di aggiungerne di nuove e soprattutto è stato un ulteriore momento di accrescimento personale ricco di soddisfazioni. Se tutto ciò è estremamente positivo per me, spero veramente di cuore che il lavoro fatto da me e dalla mia Squadra sia stato giudicato positivamente e percepito di buona amministrazione da Voi Società. L’ho affermato in più occasioni che i rappresentanti delle Istituzioni, in particolare quelle a livello periferico come i comitati provinciali, hanno il dovere di essere al servizio delle Società.

Passo ora a relazionarVi sul quadriennio appena trascorso, facendo una panoramica su quella che è stata la gestione dell’attività del nostro Comitato:

SEDE E SUO UTILIZZO

Abbiamo trasferito la nostra sede dal Lazzaretto alla “Casa dello Sport” di via Gleno. Siamo ora ospitati in una bella palazzina di proprietà della Provincia di Bergamo la cui realizzazione è stata fortemente voluta dal Geom. Valerio Bettoni – Governatore della Provincia di Bergamo – nonché Presidente del CONI provinciale, uomo di sport ma soprattutto estremamente sensibile al volontariato, alla base anche della nostra attività. Abbiamo una bella sede, accogliente, logisticamente perfetta con ampio parcheggio, suddivisa in tre locali, dotata di quelle attrezzature d’ufficio ormai indispensabili. In questo quadriennio abbiamo acquistato un terzo computer con stampante e un proiettore. L’utilizzo delle sale riunioni per incontri dei vari settori è un fatto ormai consolidato e da oggi utilizziamo anche questo bell’ auditorium “Gianni e Fausto Radici” . Ribadiamo che la sede del Comitato e le sale riunioni sono a disposizione di tutti i componenti del mondo del ciclismo: Commissari di gara, Direttori di Corsa, Motostaffette , Consorzio Velodromo Dalmine e delle Società che non dispongono nelle loro sedi di adeguati locali per riunioni.

DATI RELATIVI AL TESSERAMENTO ANNO 2004 – 2008

Trovate in allegato una tabella riepilogativa a partire dall’anno 2004, anno in cui è iniziato il tesseramento informatico. Per chi ama le statistiche o ha la curiosità per un’analisi approfondita rimango personalmente a disposizione per chiarimenti. In questa sede mi limito a fare alcune considerazioni di carattere generale.

Dopo alcuni anni di lieve ma continua diminuzione di tesserati, il 2005 ha visto un’inversione di tendenza con una sensibile crescita. Un primato a livello nazionale tutti assieme lo abbiamo raggiunto: da tre anni siamo in assoluto la prima provincia d’Italia per quanto concerne la categoria Giovanissimi (607 tesserati nel 2008) seguiti dalle provincie di Milano e Treviso. Ma come più volte ho sottolineato non si tratta di miniatleti semplicemente tesserati per iniziative scolastiche od altro, ma di miniatleti che partecipano assiduamente alle gare provinciali e regionali per l’intera annata ciclistica.

In aumento anche il numero delle Società affiliate. Indice da leggersi positivamente per vitalità, spirito d’iniziativa e creatività. Dobbiamo però anche evidenziare che abbiamo purtroppo perso strada facendo alcune società blasonate che negli anni passati hanno fatto e dato molto al nostro movimento. A loro va un grande grazie e la certezza che oltre che nei nostri ricordi rimarranno sempre nei nostri cuori.

Chiudo questa parte sapendo che qualcuno che analizza i dati del ciclismo in generale e a carattere nazionale dirà che “non è tutto oro ciò che brilla”. Poco importa. Noi li leggiamo in modo positivo, con analisi critica, ma sempre in modo costruttivo. Sono certo che il ciclismo bergamasco per tornare ad avere grandi campioni e un numero elevato di atleti nelle file dei professionisti, come gli anni appena trascorsi, deve partire dalla base e quindi dalla crescita di società e tesserati e non dalle chiacchiere.

RISULTATI CONSEGUITI NEL QUADRIENNIO DAI NOSTRI ATLETI/E

 

Non vado ad elencare analiticamente i molti risultati ottenuti dai nostri atleti/e a livello di maglie iridate, tricolori e regionali per due ragioni : la prima perché viene pubblicato annualmente “un anno di ciclismo nel bergamasco” edito da Corponove a cura di Renato Fossani, veramente ben fatto e completo; la seconda perché ritengo che i meriti dei risultati ottenuti sono da attribuire esclusivamente agli atleti, ai loro tecnici, alle società di appartenenza e in alcuni casi nella parte finale ai tecnici federali. Però siamo orgogliosi di aver prestato i nostri servizi a società che hanno avviato al ciclismo quelli che sono poi diventati grandi campioni, limitandomi al solo ultimo quadriennio, Paolo Savoldelli vincitore del Giro d’Italia , Vera Carrara Iridata nella Corsa Punti e Marco Pinotti Campione Italiano Crono. Sono ioltre numerosissime le maglie Tricolori e Regionali vinte nelle categorie giovanili in tutte le discipline: strada, pista, ciclocross e mtb.

GARE ORGANIZZATE DALLE SOCIETA’ AFFILIATE

Come tutti gli anni un calendario ricco di manifestazioni per tutte le categorie e specialità. Si va dalle gare Internazionali come la Settimana Lombarda, la Felice Gimondi, la Tregiorniorobica, il Trofeo Comune di Vertova, il Paganessi, il Memorial Davide Fardelli, lo scorso anno addirittura la Settimana Tricolore, gli Assoluti Italiani su Pista, campionati Regionali di diverse categorie, Giornata del Ciclismo Bergamasco e a seguire gare nazionali e regionali. Crescita che potete notare sempre dalla tabella riepilogativa allegata ma con qualche distinguo: calendario pieno e variegato per Giovanissimi, in calo per gli Esordienti, ottimo per gli Allievi, soddisfacente per gli Juniores, in flessione per Elite e Under, in buona salute e crescita per il Fuoristrada e in aumento per gli Amatori. In ogni caso va sottolineato l’ottimo lavoro organizzativo di quasi tutte le società che fa si che la nostra provincia sia fra le prime in Italia in termini di quantità e qualità e di questo possiamo veramente esserne orgogliosi. Possiamo e dobbiamo comunque migliorare ulteriormente perché il contesto in cui operiamo è sempre più complesso (traffico in continuo aumento, viabilità sempre più difficile con rotatorie, zone 30 e rallentatori di traffico che mensilmente nascono sui percorsi delle gare) e la gente sempre meno tollerante. Dobbiamo, dove fattibile, scegliere percorsi ed arrivi che intralcino il meno possibile il traffico riducendo al minimo il disagio per chi non è cosi vicino al ciclismo come noi. Se non abbiamo la sensibilità di farlo noi, prima o poi ci sarà qualche “autorità “ preposta al rilascio delle necessarie autorizzazioni che ci imporrà dei vincoli.

ATTIVITA’ SU PISTA

Il Consorzio Velodromo Pista , aggregato al Comitato Provinciale, ha svolto molto bene il suo lavoro di specializzazione, in particolare per quanto riguarda le categorie giovanili, conseguendo importanti risultati a livello nazionale. La passione e competenza di Fabio Perego, dei suoi collaboratori e Tecnici e del sempre disponibile Walter Facheris, che ringrazio personalmente e credo di interpretare il pensiero di tutte le Società, hanno prodotto un’attività organizzativa e formativa importante. Mi dispiace però sottolineare che proprio in questo caso atleti e società bergamasche non sempre rispondono adeguatamente ai sacrifici fatti. Ringrazio quelle società che hanno svolto attività con entusiasmo e rivolgo un caloroso invito per il 2009 a tutte le altre a frequentare il velodromo di Dalmine. Personalmente sono profondamente convinto che la pista sia una grande specialità che serve soprattutto a quelli che svolgono attività su strada.

MOUNTAIN BIKE

Settore che in questi ultimi anni è stato caratterizzato da forte crescita sia come gare organizzate che atleti tesserati. Dei nostri 607 Giovanissimi circa 200 sono tesserati per società che operano solo nel fuoristrada. Esistono in provincia diverse scuole di ciclismo e centri dedicati alla MTB, TRIAL e BMX che svolgono un lavoro competente e qualificato facendo si che i genitori affidino volentieri i loro ragazzi alla guida di tecnici capaci e in strutture sicure. Di alto livello l’organizzazione delle manifestazioni che è poi la chiave del successo di aumento di tesserati FCI; di particolare evidenza e interesse il circuito OROBIE CUP fiore all’occhiello non solo di Bergamo ma dell’intera Lombardia, manifestazione frutto di creatività e capacità organizzative trainanti a livello nazionale.

SETTORE AMATORIALE

Quattro anni fa nella mia relazione affermavo che era un settore difficile e non avevamo l’uomo competente che si faceva carico del settore. E’ arrivato a darci una mano Alex Beloli; inizialmente si è mosso un po’ con titubanza, del tutto comprensibile, in quanto in FCI ci sono regole a volte troppo limitative per il settore amatoriale. Inoltre dobbiamo tener conto che in provincia di Bergamo esiste una realtà UDACE importante, con un calendario ricco in tutte le specialità, con molte valide società e un elevato numero di tesserati, il tutto frutto di un intenso e qualificato lavoro di oltre 25 anni svolto dall’amico Presidente Provinciale Gianfranco Fanton. Ci tengo però a sottolineare che grazie ai buoni rapporti di amicizia, relazionali e di confronto dei calendari Udace / Fci le gare da noi organizzate per la categoria Amatori sono passate da 2 a 14 l’anno, e tutto ciò merito di quanto prima esposto, di Beloli e società da lui coinvolte.

MOVIMENTO FEMMINILE

Altro settore che rispetto a quattro anni fa è cresciuto positivamente. Se nella cat. Giovanissimi le società riescono a far crescere parimenti maschi e femmine, d'altronde devono sostanzialmente giocare, a partire dalla cat. Esordienti in poi credo che le ragazze possano essere meglio seguite se in squadre a loro dedicate sia per tipologia di preparazione e che partecipazione a gare. Da quest’anno saranno diverse le squadre esclusivamente al femminile. Un grosso grazie a queste Società.

GIUDICI DI GARA

Da sempre svolgono un lavoro accurato e professionale riconosciuto anche a livello regionale e a tutti loro siamo riconoscenti. Mi rivolgo alla Responsabile provinciale della categoria Stefania Muggiolu affinché nella loro prossima riunione porti i ringraziamenti del Comitato e di tutte le Società. A Lei riconosco la grossa disponibilità dimostrata con la frequente presenza in comitato per ascoltare ed intervenire su eventuali problematiche emerse nelle gare. La sua e la nostra disponibilità per analizzare e dirimere eventuali incomprensioni, disguidi ed altro verificatisi sul terreno di gara è massima. I locali del comitato sono il giusto punto d’incontro dove si può discutere serenamente e in modo costruttivo. La porta è aperta a tutti.

DIRETTORI DI CORSA

Ruolo fra i più difficili da ricoprire. Ho avuto più volte il piacere di essere invitato alle riunioni dei Giudici di Gara, riunioni nelle quali ho sentito apprezzamenti positivi sull’operato della maggior parte dei Direttori di Corsa e Organizzazione, in particolare da quei Giudici che operano anche fuori provincia di Bergamo e quindi collaborano con altre realtà. Vi ringrazio e permettetemi di rivolgere un particolare ringraziamento a Andrea Paris per il lavoro svolto in provincia e regione.

STAMPA

Un ringraziamento particolare a tutta stampa : L’Eco di Bergamo, Giornale di Bergamo, Ciclismo Bergamasco, La Voce, SportNove; testate che ci dedicano sempre molto spazio anche se in cuor nostro egoisticamente non lo riteniamo mai sufficiente, e vorremmo sempre di più. Un grazie anche alle televisioni: TV Bergamo, Video Bergamo, Prima Rete Lombardia, Tele Clusone e Pianeta Giovani. Ma il 2008 è stato un anno significativo nell’informazione bergamasca via web : ha visto la nascita del sito www.bicibg.it gestito da un giovane giornalista bravo e competente quale è Giorgio Torre, appassionato di ciclismo e vicino al nostro Comitato. Tanto vicino da raccogliere e pubblicare tutte le notizie, comunicati ufficiali che il nostro comitato provinciale mette a disposizioni delle società. Grazie Giorgio.

SERVIZI DIVERSI : MOTOSTAFFETTE – CAMBIO RUOTE – COLLEGAMENTO RADIO – FOTOFINISH – CRONOMETRISTI

Come potrei dimenticarmi le persone che svolgono questi servizi indispensabili? A tutti loro va il mio ringraziamento per il lavoro svolto. Hanno ormai raggiunto un livello professionale molto elevato. La loro presenza alle gare ci dà tranquillità, sicurezza e ci consente di qualificare sempre di più le manifestazioni. Grazie ancora.

Voglio ringraziare le forze dell’ordine: Carabinieri, Polizia Municipale, i Gruppi di Carabinieri in congedo e i vari Gruppi di Alpini. Alla Polizia Stradale che sappiamo sempre molto impegnata e sotto organico, un grazie particolare per la disponibilità dimostrata concretamente e per la qualificata competenza nella scorta alle nostre gare. Un grazie al personale dell’Ufficio Viabilità della Provincia di Bergamo dove hanno la pazienza di autorizzare tutte le nostre richieste di manifestazioni, alla Prefettura e Questura di Bergamo.

Un ringraziamento va a tutti i miei Consiglieri del Comitato, Adiano Arioli, Gianluigi Scudeletti, Antonio Torri, Raffaello Viganò e a chi non potrà leggere queste righe ma sono sicuro che il mio grazie lo raggiungerà fin lassù: Valter Carminati. Un grosso grazie anche a tutti i responsabili di settore e collaboratori per il prezioso lavoro svolto a Alex Beloli, Basilio Busetti, Bruno Cometti e Roberto Mazzoleni, Stefania Muggiolu e Mara Viganò, Andrea Paris, Roberto Rota, Angelo Vismara e Aldo Epis per la collaborazione nella realizzazione del Calendario Gare che annualmente offre il “L’Eco di Bergamo”.. Un Grazie per il loro qualificato impegno a livello Federale al Responsabile Nazionale Categoria Giovanissimi Adriano Arioli e al Componente Commissione Direttori di Corsa Claudio Mologni. Il mio grazie è soprattutto la voce e l’espressione di tutte le Società che in un modo o nell’altro hanno beneficiato della loro disponibilità.

L’ ultimo e più importante ringraziamento, è per Voi Società per quello che fate per il nostro sport. Vi auguro un 2009 ricco di soddisfazioni, un 2009 che veda la nostra provincia consolidare quel ruolo di primo piano che riveste in scala nazionale.

Grazie a tutti e buona stagione 2009.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI