PERSONAL TRAINING A BERGAMO. LA STORIA DI RICCARDO MERELLI. QUANDO L’ALLENAMENTO E’ COME LA MAIEUTICA DI SOCRATE

merelli pt 10

Riccardo Merelli è un preparatore atletico che da tempo opera come personal trainer. Un passato da Karateka, da pilota di Motocross e da Body-Builder. Nella specialità del Culturismo Agonistico Merelli ha infatti conquistato un Titolo Regionale e un Titolo Nord Italia IFBB, nella categoria dei pesi medi (70-80kg), traguardi prestigiosi, vista la serrata concorrenza. Da quell’esperienza è scaturita una passione intatta per l’allenamento e la preparazione fisica. Molti gli studi fino all’ottenimento del DIPLOMA I.S.S.A, uno dei più difficili e prestigiosi nel settore dei preparatori professionisti.

Il personal training è un concetto che ultimamente sta prendendo piede un po’ ovunque, quale è l’opinione di Merelli su questo fenomeno:

“Esistono certamente diversità individuali biomeccaniche e fisiologiche. Un parametro di allenamento, diciamo “medio”, non è la stessa cosa di uno personalizzato. Ognuno ha caratteristiche e esigenze ben precise, che possono differenziarsi anche di molto rispetto ad un altro. Capire tutto questo è la base del personal training.”.

Come si fa a distinguere queste caratteristiche soggettive?:

merelli pt 9

“Anzitutto c’è l’analisi scientifica. Ci sono vari metodi. Io mi avvalgo dell’IMPEDENZIOMETRIA. L’impedenziometro è infatti uno strumento molto sofisticato, in grado di fornire informazioni molto importanti e lo fa attraverso l’uso mirato di una sottile tensione elettrica. Il nostro corpo infatti, composto in larga parte da acqua, è un ottimo conduttore elettrico e in questo modo l’analisi diventa mirata e approfondita. Partire da una conoscenza certa è il primo passo per avere risultati. I dati salienti sono quelli che attengono a : disidratazione, massa magra, grasso, muscolo scheletrico, consumo basale, regime alimentare ed eventuale sovrallenamento”

 

merelli pt 7merelli pt 5jpg

merelli pt 8

Poi ovviamente c’è l’allenamento vero e proprio. Come è quello seguito da un personal trainer?:

“Si lavora su due fronti: uno fisico e uno mentale. Quello fisico deve essere mirato sull’insieme del corpo ma anche sulle singole parti, tenendo conto dei punti di forza e di quelli più carenti, in questo modo si può ottenere un risultato equilibrato e completo. Dal punto di vista mentale il PT deve saper tenere alta la motivazione del praticante. Ognuno ha la sua psicologìa ed è essenziale capirne i meccanismi. In questo modo la persona riesce a dare il massimo senza stressarsi. “.

E come tempi? quanto ci vuole per ottenere risultati tangibili?:

“Anche qui ovviamente è un dato soggettivo che dipende ancora dai parametri di cui parlavo prima. E’ utile stabilire obbiettivi di breve, medio e lungo periodo. In questo modo si gestisce meglio la preparazione”.

L’età è un fattore determinante:

“Si. Ma non necessariamente in un buon risultato finale. Mi spiego. E’ ovvio che sotto e sopra i 50 anni la struttura fisica è diversa, e pertanto l’allenamento va misurato e ottimizzato tenendo conto di questo aspetto. Sono anche diverse le esigenze. Ma si può andare in ottima forma ad ogni età.”

merelli pt 4

A Bergamo come vedi il fenomeno del personal training?:

“C’è sicuramente un accresciuto interesse verso l’attività di allenamento personalizzato. E’ in parte una novità, in parte una cosa che esiste da molto tempo. Diciamo che si sta diffondendo molto perché è anche cambiata la mentalità. Prima c’erano le classiche attività di palestra e l’allenamento specifico era per gli sport agonistici o per la pratica del Body Building. Con il tempo questo concetto si è avvicinato a quello di benessere e salute, infatti è nato il Fitness e poi il Wellness. La gente è più attenta agli esercizi, si preoccupa che siano salutari in rapporto alla propria struttura e poi è molto più sensibile al discorso alimentazione. Insomma si sta diffondendo una sorta di sensibilità a 360° sul tema dello stato di forma fisica. E io penso che la funzione del PT sia quella di interpretare tutto questo al meglio. Non il meglio in sé, che è un po’ un’idea astratta. Ma il meglio per la persona, che è una cosa molto concreta, che si apprende con l’analisi, ma soprattutto con l’esperienza diretta.”

Un lato tecnico e uno umano sembra di capire?:

“Si, credo che si possa sintetizzare così. Quello tecnico è necessario per partire con il piede giusto e lavorare nel modo giusto, quello umano per avere il giusto spirito nell’allenamento. Credo che in questo senso la fiducia nel trainer sia essenziale. E qui credo di poter specificare ancora. Per fiducia intendo il fatto che il PT deve insegnare ad essere autonomo e forte come persona in generale. E per ottenere questo credo sia necessaria una fiducia nella competenza del trainer, senza però entrare troppo in aspetti personali. Il Personal Trainer è un professionista per vocazione e il suo obbiettivo sono i risultati su quel piano. Quello del traning appunto.”.

merelli pt 3

L’antico filosofo greco Socrate parlava di “maieutica” come l’arte di “tirar fuori” la verità dall’individuo. Pensi sia un concetto applicabile al personal training?:

“Si, direi di si. Senza nulla togliere al grande filosofo, anche noi, nel nostro piccolo cerchiamo di tirar fuori il meglio dalle persone. E’ una soddisfazione che si condivide. Per quello è una passione che non muore mai.

 

Riccardo Merelli opera all’interno del Centro Sportivo Liberty di Grassobbio in via per Azzano.

 

 

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI