UNA COMARK DI FERRO CHIAMATA ALLA GRANDE PROVA

(Nella foto Riccardo Malagoli splendido protagonista dell’ultima vittoria della Comark a Firenze)

E’ una Comark imbattibile … per ora

Gira tutto per il verso giusto in casa Comark in questo primo inizio del Campionato Divisione Nazionale A di basket. Sei vittorie consecutive in altrettante gare, unica squadra imbattuta del campionato e turno di riposo già osservato. Più di così proprio non si poteva immaginare quando solo un mese fa il 30 settembre, dopo la prima vittoria a Latina (74-79), si iniziava timidamente a pronosticare un buon futuro per il team allenato da Adriano Vertemati. Convinzione questa accresciutasi giornata dopo giornata a suon di successi. I due casalinghi consecutivi contro Recanati (81-76) e Mirandola (77-65) hanno mostrato al pubblico casalingo accorso in buon numero grazie all’operazione societaria “porte aperte” (prime quattro gare ad ingresso gratis) che con Reati e compagni quest’anno ci si può anche divertire.

Ma sono stati i successi in trasferta a Chieti (80-81 tripla di Reati allo scadere del tempo) contro la formazione che in maggio aveva eliminato Treviglio ai playoffs e quello casalingo ottenuto nella gara disputata a mezzogiorno domenica scorsa al PalaFacchetti contro Perugia (73-64) a far capire anche agli addetti ai lavori che la Comark, amici cesto lettori di BergamoSportNews, è una signora Squadra. In questo bellissimo mese di ottobre coach Adriano Vertemati ha potuto mettere all’opera un team ben congeniato e soprattutto con il cuore di tutti i suoi componenti che batte all’unisono. Il contributo dei nove giocatori che quasi abitualmente il giovane coach milanese schiera ad ogni match è sempre di qualità individuale ben al di sopra della media con l’aggiunta positiva del fatto che le prestazioni individuali non sono fini a se stesse ma contribuiscono al risultato di Squadra: ovvero il massimo per chi allena in uno sport collettivo come il basket. La combinazione vincente non è di certo frutto di alchimie strane o posizioni particolari delle stelle e/o dei pianeti. No queste considerazioni le lasciamo a chi vuole essere superficiale o credere solo nella fortuna.

Noi vi diciamo che per vincere sei gare consecutive in un campionato difficile ed impegnativo (si sono giocate sette gare in 32 giorni) come quello attuale ci vogliono carattere, attributi, umiltà ed intelligenza. Qualità emerse prepotentemente nella recente vittoria in trasferta ottenuta il giorno di Ognissanti in quel di Firenze. Per altro dobbiamo dire che prima di questo match l’unico giocatore che per alcuni versi non aveva ancora convinto del tutto, ovvero Riccardo Malagoli, era atteso prima o poi alla sua “esplosione” che puntualmente ed in maniera impressionante è avvenuta proprio in Toscana. La gara l’abbiamo “vissuta” al computer passo dopo passo ma paradossalmente, nonostante il freddo strumento informatico, le informazioni che byte dopo byte si materializzavano sullo schermo ci davano un calore ed un quadro ampiamente positivo che si colorava canestro dopo canestro sempre più di biancoblù.

 La partenza era di quella a razzo per Treviglio (Cazzolato, Reati e Malagoli 3-7 al 2’) ma Firenze con Caroldi e Casadei rispondeva a tono: 16 pari all’8’. Ferrarese prima e poi Malagoli anche da tre punti (!!!) spingevano la Comark in vantaggio alla prima sirena di 5 lunghezze (21-26). L’inizio di secondo quarto ci faceva sobbalzare sulla sedia: due triple consecutive di Maspero e Reati ed ancora due prodezze di Riccardo Malagoli (mvp della gara) uniti al canestro di Perego ed ai liberi del playmaker Ferrarese confezionavano un parziale di 14-2 che proiettava la Comark al +17 al 14’:23-40.

 

 (Nella foto Decolla Capitan Davide Reati e con lui vola la Comark in testa alla classifica)

La reazione di Spizzichini per Firenze spingeva un previdente Vertemati al time-out che riportava i suoi in piena trance agonistica. Ferrarese e Reati “bombardavano” da tre punti e Firenze soccombeva all’intervallo lungo per 35-51. Un dato solo riguardante la valutazione di Squadra (64-33) evidenziava tutti gli aspetti positivi mostrati dalla formazione cara al Presidente Testa che aveva nella percentuale al tiro (17/39) il suo lato migliore a dimostrazione di una sicurezza e padronanza della situazione impressionanti. Il riposo a differenza di quanto ci si poteva attendere galvanizzava ancora di più Reati e compagni. Proprio il Capitano firmava il + 20 (36-56) dopo che ancora Malagoli ci metteva del suo. Firenze accusava il colpo: il terzo periodo finiva sul 54-75 e solo al 38’ dopo uno sforzo notevole che produceva un 20/9 a loro favore i toscani sembravano rientrare in gioco. Ma la Comark di oggi come detto è una Signora Squadra: Davide Reati con una triplona ricacciava indietro i padroni di casa e la successiva azione produceva un recupero di … squadra con il quale Ferrarese si procurava due liberi convertiti: 79-89 game set and match. Al termine della gara le dichiarazioni di coach Vertemati catturate dai vari siti evidenziavano la sua soddisfazione per il fatto che i suoi Ragazzi avevano rispettato pienamente il piano partita con una menzione speciale per Malagoli (meritatissima).

Nella giornata in cui Riccardo Perego, splendido protagonista nelle prime cinque vittorie, si prendeva una pausa ecco salire alla ribalta il giovane centro modenese a completamento di un percorso che prevede ancora molta strada da fare. La recente storia di Jacopo Borra che in una stagione di “cura” Vertemati è diventato da signor nessuno ad essere un giocatore è lì sotto gli occhi di tutti. Ma ciò che ci piace di più oggi è pensare che tutti ma proprio tutti i giocatori del roster trevigliese stanno godendo dei frutti di un lavoro splendido che lo staff tecnico Comark sta svolgendo insieme a loro. Ed i risultati sono lì da vedere. Ci auguriamo solo che il troppo successo non dia alla testa e per fortuna il campionato incalza. Domenica arriva Ferrara al PalaFacchetti una formazione come le altre (tutte) da rispettare e cercare di battere. Poi penseremo al big amtch contro l’altra capolista con la quale dividiamo il primo posto la Bawer Matera dell’ex Andrea Vitale.

Gabriele Colombo

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI