ATALANTA, BEFFA AL 92′ CON IL CAGLIARI

Allo Stadio comunale Atleti Azzurri D’Italia l’Atalanta disputa la sua seconda uscita ufficiale davanti al suo pubblico dopo quella della scorsa settimana contro il Siviglia. Avversaria questa volta è il Cagliari del neo tecnico Bisoli, un’amichevole disputata a ritmi blandi ma con equilibrio tra le parti, che viene acciuffata nel finale proprio dalla formazione sarda. Buoni spunti comunque anche dagli uomini di Mister Colantuono, bene i nuovi acquisti.

Per la Dea e’ la seconda partita ufficiale della nuova stagione 2010/2011, ma si tratta sempre di un’amichevole, di “calcio d’estate” ed è forse questa la chiave per dare il giusto taglio al commento del match. Già, perché quella di sabato sera è stata una gara giocata a ritmi per lo più bassi, con i giocatori che per gran parte dei 90 minuti cercano di non strafare. Siamo a sole due settimane dall’inizio del nuovo campionato e ovviamente in questa fase ci si adopera per provare innanzitutto la condizione fisica e poi i vari schemi e movimenti provati in allenamento, il risultato del tabellino è del tutto secondario.

Diversi gli “ex” della partita. Tra le fila del Cagliari troviamo infatti ben tre bergamaschi di nascita come il portiere Agazzi (di Ponte San Pietro), il giovane difensore Astori (San Pellegrino Terme) appena convocato dal ct della Nazionale Prandelli e per finire l’esperto centrocampista Lazzari nativo proprio di Bergamo. A chiudere questa serie rimangono i vari Canini e Pinardi cresciuti nelle giovanili dell’Atalanta.

Dopo il fischio d’inizio della partita si apre la sfida amichevole tra le due compagini. Come detto sopra il gioco è piuttosto lento e talvolta soporifero, ma ad animare la serata nella prima frazione di gara è più il Cagliari con un Matri sempre presente che funge da terminale offensivo supportato dietro da gente come Biondini, Lazzari e Cossu. L’Atalanta deve fare i conti con le diverse assenze per infortunio che lasciano a casa i vari Doni, Barreto, Pinto, Defendi e Talamonti e si presenta con un 4-4-2 che diventa un 4-5-1 molto abbottonato in fase di non possesso palla. In avanti il duo Tiribocchi – Ardemagni, che purtroppo combina poco o nulla in questa occasione. Bene invece la difesa nerazzurra, con un Manfredini in gran forma e il neo acquisto Troest che mostra ancora qualche lacuna da colmare. Gli esterni difensivi sono il capitano Bellini e Peluso e a completare gli undici si aggiungono i quattro di centrocampo: Radovanovic e Padoin in mezzo e Ceravolo e Pettinari sugli esterni. La formazione ospite prova spesso a presentarsi in area nerazzurra e colleziona diverse palle gol ma il primo tempo finisce a reti inviolate. E’ nella seconda frazione di gioco che l’Atalanta si fa vedere e domina la partita. La compagine orobica scende in campo con più animo e spirito d’iniziativa e in più Colantuono si avvale della possibilità delle sostituzioni libere e dà spazio agli altri giocatori in panchina: entreranno Frezzolini per Consigli, Amoruso, Capelli, Basha, Ruopolo e Marconi. Ecco allora che il tecnico nerazzurro riesce a provare le sue idee di gioco con quasi tutti i suoi uomini convocati. In risalto il nuovo Basha che dimostra di avere buoni numeri, buon tiro e concretezza nella fase di costruzione di gioco. La rinascita della Dea in questa fase di partita comunque avviene grazie alla grande prestazione di Ceravolo, che non manca di involarsi sulla corsia di sinistra mettendo palloni su palloni nell’area cagliaritana dando modo al reparto offensivo nerazzurro di tentare di bucare la rete difesa da Agazzi. Poi nell’ultima decina di minuti il ritmo di partita di riabbassa con le squadre che sembrano non voler farsi male. Invece proprio al 92’ il sardo Ragatzu sorprende Frezzolini con un tiro potente da fuori area che si insacca nell’angolino basso della porta. Una beffa per l’Atalanta, una sconfitta di misura che non rispecchia realmente l’evoluzione dell’intera partita. Prima del fischio finale comunque c’è il tempo per Amoruso di farsi notare con una splendida rovesciata da due passi dal portiere che purtroppo viene deviata. Adesso non rimane che rimboccarsi le maniche e continuare a prepararsi per le partite che contano. Già la prossima settimana infatti c’è in programma il secondo turno di Coppa Italia in cui l’Atalanta dovrà incontrare la vincente tra Foligno e San Marino.

Ad ogni modo c’è aria di ottimismo nello spogliatoio atalantino, lo rivela lo stesso Mister Colantuono nel dopo partita: “Sono contento lo stesso, abbiamo avuto lo spirito giusto e sono soddisfatto anche dei nuovi arrivati, forse siamo stati un po’ macchinosi all’inizio e abbiamo sbagliato qualche passaggio di troppo”.

Ci pensano anche il centrocampista Radovanovic e il portiere Consigli a rassicurare stampa e tifosi. Il calciatore serbo commenta cosi la prestazione in conferenza stampa: “Abbiamo fatto bene, c’è mancata un po’ di fortuna ma siamo tutti fiduciosi e siamo convinti che il bello deve ancora venire”.

Il pensiero dell’estremo difensore milanese si allinea a quanto detto dal compagno, ma non manca di parlare però anche a livello personale: “Ci stiamo muovendo bene. Sia con il Siviglia che col Cagliari ho visto degli ottimi segnali perché siamo riusciti a tenere banco con squadre di livello. Comunque la Serie B è difficile, non dobbiamo pensare di essere i favoriti e di abbassare la guardia. Per quanto mi riguarda penso di poter dare tanto, l’anno scorso è stata un’annata un po’ complicata per me e ora ho voglia di riscattarmi”. A conclusione anche il bergamasco Davide Astori di San Pellegrino Terme si dice orgoglioso di essere stato convocato in Nazionale e che sicuramente cercherà di cogliere al meglio questa preziosa occasione concessagli dal neo Commissario tecnico della Nazionale italiana Cesare Prandelli. Probabilmente è presto per dirlo, ma pare che in Italia, sia in Nazionale sia nei club, si stia cominciando veramente a dare più fiducia alle “nuove leve”. A tutti questi giovani bergamaschi e a tutti i giovani calciatori in generale che si stanno mettendo in mostra: Auguri!

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI