COMARK: UNA VITTORIA PER CENTRARE L’OBIETTIVO STAGIONALE

Marco Planezio in una conclusione acrobatica contro Jesolo

Tutto come previsto l’esito della penultima giornata di stagione regolare sia sul parquet del PalaFacchetti dove gli uomini di Simone Morandi hanno ‘scherzato’ contro Jesolo sia sugli altri campi. Il destino gioca un brutto scherzo al Capitano Davide Reati che si infortuna e sarà a mezzo servizio domenica in quel di Verona dove la CoMark si gioca l’accesso ai playoff essendo la vittoria l’unico risultato utile per il raggiungimento dell’obiettivo stagionale.

Il raggiungimento di una delle prime otto posizioni in classifica è stato fin dal mese di agosto dello scorso anno l’obiettivo principale della società che, per altro, giustamente si era anche spinta un po’ in là auspicando il raggiungimento di una delle prime quattro. Come è andata lo sappiamo tutti e forse, a nostro avviso, il rammarico più grande è proprio quello di essere arrivati a giocarsi il tutto in una partita, l’ultima, quella di domani a Verona. Ci sentiamo solo di auspicare e sperare che proprio in quella partita Reati e compagni riescano a ritrovare tutte le loro qualità ed a metterle al servizio della Squadra come dimostrato in altre trasferte (Trento e Brescia). Tutto qui.

Crediamo che non ci siano altre considerazioni. Tutto parte, come lo è sempre stato in tutta la corrente stagione, dalla testa, dal cuore e dalle gambe dei nostri giocatori. Non ci sono alchimie tattiche che tengano se poi gli interpreti non le eseguono in campo. Certo è possibile ‘sbagliare’ la chiamata di una difesa o di un time-out o forse anche un cambio ma non diteci che questo è determinante per un risultato soprattutto in una gara come quella che si prospetta domenica. Gli ex Gori e Ferrarese con i loro compagni avranno né più né meno le stesse preoccupazioni, ansie e motivazioni perché anche per loro ‘non c’è domani’ come si dice in gergo.

E quindi in una battaglia (sportiva) all’ultimo canestro conterà una volta di più tutto. E con il termine ‘tutto’ intendiamo l’insieme di azioni, atteggiamenti e modalità di esecuzione di azioni di gioco che ciascun giocatore che sarà chiamato sul terreno di gioco dovrà mostrare a se stesso in primis e di conseguenza al proprio team. Il ‘segreto’ dei successi è tutto qui ed a volte sembra persino troppo facile perché quel ‘tutto’ di prima viene naturale mostrarlo. La sfida di domani sarà proprio quella di mostrare soprattutto nel produrre le ‘piccole cose’ che fanno grande un Gruppo la propria voglia di ben fare.

Per dovere di cronaca vi riferiamo che dopo soli cinque minuti di gioco della partita giocata dalla CoMark sette giorni fa contro il fanalino di coda Jesolo (19-8) l’atmosfera che si respirava era quella tipica delle amichevoli. Allenatori impegnati a ‘rimbrottare’ ciascuno i propri giocatori al minimo errore (un po’ più il coach di Jesolo …), spettatori attenti solo a giocate ‘spettacolari’, giocatori concentrati sull’esecuzione dei giochi e sulla difesa (i trevigliesi) o a commettere meno errori possibili (i veneti). E tutto questo perché il divario mostrato sul parquet del PalaFacchetti in una gara ufficiale è stato veramente ‘disarmante’ per chi segue il basket da anni. E’ anche vero che Jesolo nelle ultime due gare aveva ‘spaventato’ i suoi avversari (Montecatini e soprattutto Forlì) ma a Treviglio non ha mostrato nulla più di tanta buona volontà da parte dei suoi giocatori. Sottolineiamo la buona prova del giovane Marco Planezio: 16pti con 5/10 al tiro e 4/4 ai liberi, 2 rimbalzi e 2 assist per un 15 di valutazione in 29 minuti di impiego. Per gli altri come detto si è trattato di un’amichevole e nulla più.

COMARK TREVIGLIO 108 (30 59 85

JESOLOSANDONÀ 59 (19 36 49)

Comark: Minessi, Planezio 16, Degli Agosti 6, Reati 8, Milani 8, Moruzzi 16, Demartini 8, Zanella 22, De Min 16, Da Ros 8. All. Morandi.

Jesolosandonà: Silvestrini, Carniato 22, Guerra, Gallina, Toffolo 8, Montino 7, Agostinetto 15, Olivetto, Cescon 5, Buratto 2. All. Toniolo.

Arbitri: Sinisi di Barletta e Brindisi di Torino.

Note: tiri liberi: CoMark 13/16; Jesolo 15/25. Tiri da 2: CoMark 37/51; Jesolo 13/44. Tiri da 3: CoMark 7/19; Jesolo 6/18. Usciti per 5 falli: nessuno. Spettatori: 1.000 circa.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI