D-FIGHT. UN SUCCESSO PER GLI SPORT DA RING NELL’ARENA DI MADONE

Sabato 21 Ottobre 2017 a Madone si è svolto galà internazionale con match  professionistici di Muay Thai, MMA e K-1, con un totale di 8 match tra cui sono stati contesi due titoli, il titolo D-FIGHT e il titolo mondiale PRO.

La serata è cominciata con un match dimostrativo di MMA, per poi passare ad una coreografia a tema Thai Boxe per presentare al meglio la serata.

Dopo la presentazione è cominciata la serata vera e propria con il primo match di Muay Thai 68 KG tra Mike Astarita all’angolo blu e Viorel Vintu all’angolo rosso, un match in cui Vintu è in vantaggio su Astarita grazie a dei colpi pesanti e soprattutto calci circolari molto potenti che hanno causato una ferita ad Astarita, che ha determinato la conclusione del match all’ inizio della seconda ripresa con vincitore, all’angolo rosso, Viorel Vintu.

Il secondo match era valido per il titolo D-FIGHT, match di Muay Thai 60 KG tra Roberto Urraci e Filippo Pantanida, un match equo anche se riesce ad aggiudicarsi la vittoria l’angolo rosso con Roberto Urraci mettendo colpi più incisivi conquistando il titolo D-FIGHT.

Senza una pausa si passa al terzo match tra Tommaso Pantarotto e Jhon Pina, match internazionale di K-1 68 KG tra Stati Uniti e Italia.

Pur soffrendo il pressing nelle prime due riprese Pantarotto riesce a tener testa a Pina e a sostenere un ottimo match in cui verrà premiato per i bei colpi che riesce ad assestare grazie ai quali Pantarotto riesce ad aggiudicarsi l’ incontro.

Si ritorna alla Muay Thai peso 65 KG, quarto match tra Antonio Bennato e Jonathan Astarita, in cui Astarita si esibisce in una splendida forma di Ram Muay prima dell’inizio del match. Il match è stato equilibrato con un Bennato molto propositivo, anche se Asatrita avendo piu esperienza è riuscito a rimanere più lucido, riuscendo ad aggiudicarsi l’incontro.

Il match a seguire è stato spettacolare, altro incontro di Muay Thai 72 KG tra Doru Manolea e Ayub Kharchach, match combattutissimo in cui Manolea riusciva a mettere più colpi e proiezioni vincendo il match.

Si ritorna poi al K-1, 62 KG con un altro match internazionale tra Pascal Koster (olandese) e Alessandro Moretti arrivato da Roma. Incontro molto equilibrato, ma, a seguito delle lamentele del suo angolo per presunte  scorrettezze, questo ha portato Moretti a decidere di ritirarsi alla fine del secondo round.

Si passa alle MMA 70 KG incontro tra Jose Yepez e Luca Vitali. Match che vincerà Vitali per sottomissione.

E in fine l’atteso titolo mondiale di K-1 PRO categoria 58 kgmatch tra Luca Cecchetti e Olszewski Krzysztof.

Incontro di 5 round poichè era conteso il titolo mondiale, il ritmo era altissimo e l’incontro molto equilibrato, erano botte da orbi! In cui tutti e due gli atleti hanno saputo incassare colpi micidiali e mantenere la propria lucidità mentale, facendo degli scambi bellissimi.

Alla fine è stata dura per i giudici decretare un vincitore, ma Cecchetti, avendo fatto quel qualcosa in più, è riuscito a portarsi a casa il Titolo Mondiale.

La sesta edizione di D-FIGHT è stata molto spettacolare, con match equilibrati e senza esclusione di colpi, colpi che rimbombavano nel palazzetto pieno di gente che è venuta a vedere gli sport da combattimento e a sostenere gli atleti in gara.

 

articolo a cura di : Alessandro Cattaneo

foto: Massimo Zanotti

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI