IL CALCIO A MODO MIO: LA SCOPERTA DEI TALENTI

Come già anticipato nel mio prima intervento, “IL CALCIO A MODO MIO” non è soltanto una filosofia sportiva ma un vero e proprio modus operandi ispirato ad un concetto di gioco basato sulla scoperta di giovani atleti o talenti in pectore che non hanno ancora avuto l’occasione di poter esprimere tutte le loro pontenzialità.

È ovvio che ispirarsi a tale concezione di calcio implica maggior impegno personale in termini di tempo, rispetto a chi preferisce andare alla caccia, in ogni categoria, di giocatori affermati che bisogna pagare a peso d’oro con un sacrificio economico a volte insostenibile per le società a lungo andare.

Siccome il calcio non è matematica e l’assioma “piu’ si spende piu’ si vince” trova una applicazione tutt’altro che certa, almeno in questo settore dello sport, allora è bene, per quanto mi riguarda, ricercare gli obiettivi di mercato sui campi di periferia dove i dirigenti sportivi di società blasonate si vedono raramente.

Inoltre è d’uopo che tutti i dirigenti calcistici si rendano finalmente conto che gestire i soldi altrui, ovvero quelli dei Presidenti, implica maggiori responsabilità e che l’oculata gestione delle risorse permette alla società una crescita (magari ) lenta ma costante.

Per questo motivo chi scrive solitamente evita di seguire le gare della massima serie per concentrarsi su quelle della Lega Pro, della Serie D e dell’Eccellenza o della Promozione.

Come già anticipato ciò implica un grande sforzo a livello personale e famigliare (chiedere a mia moglie per credere! ) ma è anche opportunità di grandi soddisfazioni sportive.

Nell’ambito di questa rubrica del “calcio a modo mio” dedicata alla scoperta dei talenti, pertanto, proporrò giocatori che meritano la ribalta della rete affinchè gli addetti ai lavori, cui sono dirette queste pagine, possano esser stimolati dalle mie segnalazioni e prendere in considerazione queste proposte di mercato.

ALBERTO FRIGERIO

Nasce a Lecco il 20.01.1989, altezza 1,88 cm per 87 kg. Ruolo Portiere.

Dalla stagione 1999/2000 a quella 2004/2005 nel settore giovanile del Calcio Como dove ottiene la convocazione per la Nazionale Under 16.

Nell’estate 2005 stimola l’attenzione degli osservatori della Reggina dove viene invitato a svolgere il ritiro precampionato con la prima squadra.

La giovane età e la lontananza da casa rendono appetibili, pochi mesi dopo, le offerte dell’Atalanta che si aggiudica le prestazioni sportive del giocatore.

Nel corso della stagione 2005/2006 viene convocato nella Nazionale Under 17, vince con l’Atalanta il torneo di Arco di Trento e sempre con i bergamaschi si laurea Campione d’Italia Berretti.

Nel corso della stagione 2005/2006 gioca con la Primavera dell’Atalanta.

A fine campionato accetta la proposta del Como Calcio, società nella quale è cresciuto, e disputa il campionato di Serie D dove ottiene una promozione in C2 e vince la Coppa Italia Nazionale.

Un infortunio al legamento del braccio e alla mandibola a causa di un sinistro stradale ne rallentano l’ascesa che riprende nella scorsa stagione.

Ed infatti nel 2008/2009 disputa campionato di Serie D nell’ Ac Salò sino a Gennaio per poi concludere la stagione nel Feralpi Lonato sempre in Serie D.

Nella Stagione in corso è alla Colognese in serie D.

Giudizio Tecnico: trattasi di giocatore dotato di classe cristallina ottimo tra i pali e nelle uscite che trasmette grande sicurezza alla difesa.

È un portiere dotato di grande intuito e “istinto felino” che, unito a una grande reattività e forza esplosiva, gli consentono interventi di grande spessore.

È estremo difensore che può esser un valore aggiunto in Lega Pro dove potrebbe avere una agevole collocazione già oggi per le doti che dimostra sul campo.

A mia opinione è, comunque, giocatore da categorie superiori, la Serie D è sicuramente limitativa per questo atleta che, in prospettiva futura, potrebbe tranquillamente calcare i campi della massima divisone.

Ecco il suo curriculum:

Stagioni dal 1999/2000 al 2004/2005 Giovanili : CALCIO COMO

Convocazioni in under 16

Stagione 2005/2006 : Parte in ritiro con la prima squadra della Reggina per poi essere

acquistato dall’Atalanta;

Convocazioni under 17;

Vittoria Trofeo Arco di Trento in mem. Beppe Viola.

Vittoria Campionato con la Juniores Nazionale dell’Atalanta.

Stagione 2006/2007 : Campionato primavera con Atalanta

Stagione 2007/2008 : Campionato Serie D con il Calcio Como:

Promozione in C2 e vittoria Coppa Italia

(in tutte e due le competizioni partenza da titolare poi causa infortunio legamento braccio e mandibola non è rientrato.)

Campionato (10 presenze) Coppa Italia (tutta la competizione tranne Semifinale e finale.

Stagione 2008/2009 : Campionato Serie D:

– fino a gennaio all’A.c. Salò (16 presenze in campionato più Coppa Coppa Italia fino ad eliminazione)

– da gennaio alla Feralpi Lonato (14 presenze)

LEONI RICCARDO

Classe 1990.

Ruolo difensore laterale sinistro attualmente alla Colognese in Serie D dove dopo un inizio in sordina sta trovando una grande continuità di rendimento con prestazioni di grandissimo spessore.

Mancino, calcia anche con il destro in modo ottimale, dotato di grande dinamismo a livello tattico adattandosi molto bene ad ogni modulo di gioco.

Giocatore molto prezioso ma sopratutto professionista in tutti i sensi poiché, oltre che dotato di doti tecniche importanti, è sopratutto un ragazzo di grande serietà ed affidabilità.

In fase difensiva esprime un gioco molto “pulito”, il pallone tra i suoi piedi non viene mai sprecato con disimpegni rischiosi.

Rende facili anche le giocate più complicate.

In fase di attacco garantisce ottima spinta, buono nel fraseggio breve con i compagni, da fondo campo calcia traversoni tesi e tagliati con il suo sinistro che sono pane per i denti di ogni ariete da area di rigore.

Interpreta al meglio la filosofia del gruppo e dello spogliatoio per cui accetta ogni decisione del mister e della società dimostrando spirito di squadra.

Per lui è il campo che parla e in campo riversa tutto l’impegno, sia in partita che in allenamento. Elemento che conosco molto bene per averlo avuto come giocatore.

Scuola Milan dove ha giocato sino due anni fa divenendo campione d’Italia con la formazione Allievi Nazionali nella stagione 2006/2007.

La scorsa stagione alla Solbiatese in serie D.

Ritengo che la massima categoria nazionale dilettanti sia limitativa per il ragazzo che vedo a suo agio in Lega Pro dove potrebbe fare ancora meglio in considerazione del maggior tasso tecnico che esprimono le categorie professionistiche.

MATTIA BRUGHERA.

Bergamo 26.11.1992.

Ruolo: esterno destro di difesa.

Attenzione trattasi di giocatore da visionale assolutamente.

Attualmente in forza al Valcalepio in Eccellenza Lombarda dove gioca titolare e si sta mettendo in mostra per le grandi doti fisiche, tecniche e di temperamento.

Scuola Pergocrema dove ha militato sino alla formazione Berretti nella scorsa stagione.

Nel corso del campionato 2006/2007 si laurea vice campione d’Italia nella categoria giovanissimi nazionali sempre con il Pergocrema.

Complimenti al direttore sportivo del Valcalepio, Curnis, che è riuscito ad assicurarsi le prestazioni del ragazzo dimostrando grande competenza ma soprattutto lungimiranza puntando dalla stagione in corso su un ragazzo del 1992 quando vige l’obbligo di schierare un giocatore 1991 nelle categorie dilettantistiche.

Ancora complimenti a Curnis, pertanto.

Futuribilità: il ragazzo meriterebbe di giocare almeno in Serie D poiché già maturo sia fisicamente , ricordo che è alto 1,85, che tecnicamente per la giovane età.

In prospettiva intravedo qualità importanti che potrebbero portalo a calcare i campi del calcio professionistico. Ragazzo sicuramente sul quale investire.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI