LA COMARK FA COME I GAMBERI E PERDE DI NUOVO

Matteo Da Ros(nella foto) forse l’unico sufficiente per Treviglio contro Forlì

Disarmante sconfitta casalinga (la quarta della stagione) contro una cinica e quadrata Forlì. Disattese le premesse dopo due gare come quelle contro Bologna e Brescia giocate da squadra vera.

Contro la seconda della classifica che ha dimostrato a Treviglio tutto il suo valore la formazione del presidente Mazza disputa una delle più brutte gare stagionali per atteggiamento caratteriale e atteggiamento corale. Eppure il divario con Forlì non tocca mai distacchi impossibili da recuperare Ora si apre un ciclo di due trasferte separate dal turno di riposo: si comincia domenica a Montecatini

Negli ultimi appuntamenti sulle pagine di BGSportNews ci eravamo forse spinti un po’ troppo in là con i commenti positivi sull’attuale momento della CoMark Treviglio. Ma lungi da noi fare o lanciare proclami che non siano attinenti con i fatti. E proprio i fatti, ovvero le ultime gare disputate da Reati e compagni contro Bologna e Brescia, ci avevano dato la conferma (!!!) del deciso cambiamento di rotta intrapreso dai trevigliesi. Purtroppo la gara di sette giorni fa persa in casa contro Forlì ha invece riportato a galla tutti i problemi di una Squadra che le due belle prestazioni precedenti sembravano avessero rimosso. Probabilmente, per ora, quella S maiuscola dovremo toglierla perché visti all’opera contro Forlì i ragazzi di coach Morandi sembravano una “armata branca-leone”. Indecisi, nervosi, incavolati con tutto e tutti e dulcis in fundo sempre in ritardo sia nell’affrontare l’avversario sia in esecuzione dei giochi in attacco i giocatori trevigliesi sono apparsi smarriti di fronte ad un’avversaria che ha dimostrato di valere ampiamente la posizione in classifica occupata attualmente. I romagnoli con due giocatori su tutti Forray e Poletti ed un gruppo coeso sono stati bravissimi nel colpire la CoMark là dove i suoi nervi risultano scoperti. In primo luogo la coppia Forray-Tommasini ha stravinto il duello in cabina di regia con i pari ruolo Demartini-Milani. Tanto sono stati efficaci i due registi forlivesi, soprattutto l’argentino risultato mvp della gara, tanto sono stati inefficaci i due playmakers trevigliesi che si sono persi contro la non irresistibile difesa ospite. E’ però sul fronte difensivo che si sono visti enormi problemi palesati sin dai primi minuti di gioco. In costante ritardo negli adeguamenti difensivi Reati e compagni hanno subito in ogni zona del campo la superiorità di Forlì. Nel primo quarto è stato il lungo Mitchel Poletti che pareva Shaquille O’Neal, a gettare lo scompiglio nell’area trevigliese dove sia Zanella che Degli Agosti (per altro utilizzato pochissimo …) sono risultati inefficaci. Così facendo Forlì prendeva in mano le redini del gioco e non le avrebbe mollate più mentre la CoMark risultava del tutto assente dal clima partita. Nel secondo periodo si svegliava Reati che sventagliava un 3/3 da tre che riportava Treviglio in linea di galleggiamento(24-29 al 18’) anche se era l’atteggiamento corale che più lasciava presagire qualcosa di non buono. Forlì oltre a Poletti trovava energie da Lestini mentre Forray pianificava gioco e regia senza fronzoli. Al riposo le cifre dicevano che Treviglio tirava con il 28% contro il 39% di Forlì e il 58% ai liberi doveva già essere interpretato come un cattivo segnale dalla costa bianco blu. La ripresa infatti non faceva che confermare le attese. Forlì continuava a macinare gioco e punti mentre la CoMark perennemente in affanno con Da Ros e Minessi cercava di non perdere contatto (38-43 al 27’). Alla sirena del terzo periodo il ritardo era solo di 5 lunghezze ma nemmeno lo stimolo di poter raggiungere Brescia con una vittoria spronava gli uomini di Morandi. Nel quarto tempo si scatenava l’indomabile Pablo Forray che oltre a realizzare 13 punti era puntualmente sulla propria metà campo ad interrompere come un guastatore ogni trama offensiva trevigliese sia in transizione che nel normale inizio di un’azione offensiva. Eppure a 5’ dalla fine Treviglio era a meno 2 (58-60): qui era ancora Forray con un minuto di lucida follia ad affossare le deboli speranze bianco blu. Una tripla ed un pallone letteralmente strappato dalle mani di Minessi (…) con lancio in contropiede per Frassineti davano l’ennesimo decisivo strappo per Forlì (58-65 al 36’). Solo Da Ros reagiva ma ancora il play argentino ed i palloni persi da Milani chiudevano il match già a 1’ dal termine (60-70). Il finale vedeva Treviglio produrre solo falli antisportivi di frustrazione mentre giustamente Forlì esultava per la meritata vittoria.

CoMark Treviglio 63 (11 26 44)

VemSistemi Forlì 74 (17 29 49)

CoMark: Minessi 9, Degli Agosti, Reati 12, Milani 4, Moruzzi 9, Demartini 5, Zanella 4, Gibellini ne, De Min 2, Da Ros 18. All. Morandi. Tiri liberi 18/29. Tiri da 2 18/40 Tiri da 3 3/18 Rimbalzi 36

VemSistemi: Farioli, Lestini 5, Tommasini 11, Tassinari 2, Poletti 25, Villani ne, Frassineti 8, Ravaioli ne, Masciadri 2, Forray 21. All. Di Lorenzo. Tiri liberi 19/27 Tiri da 2 17/35 Tiri da 3 7/16 Rimbalzi 33

 

Arbitri: Morelli di Brindisi e Biasini di Veroli (Frosinone).

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI