PALLANUOTO A2: BERGAMO MOSTRA I MUSCOLI E REGOLA UN MODENA BATTAGLIERO

Archiviata la trasferta di Torino, la Bergamo Alta, sabato 9 maggio, è tornata a giocare avanti i propri tifosi per la quart’ultima giornata della regular season.L’avversario di turno è stato il Modena di mister Venturelli, che al suo team ha trasmesso una buona dosa della grinta che lo ha sempre contraddistinto sin da quando scendeva in vasca in qualità di atleta.

Modena si è presentata all’Italcementi con l’imperativo di portar via punti utili in chiave salvezza e di allontanarsi dal terz’ultimo posto, che, a termini di regolamento, costringerebbe il “sette” emiliano a disputare i play out retrocessione. Al cospetto, pertanto, di un Modena fortemente motivato e con il coltello tra i denti, la Bergamo Alta era costretta a rinunciare ad Emanuele Foresti (squalificato) e al portiere Epis (infortunato), oltre a dover utilizzare con parsimonia Francesco Rota, a mezzo servizio a causa di un’ernia. La gara iniziava e le previsioni venivano rispettate. Gli ospiti, infatti, facevano capire di voler vendere cara la pelle, tanto che la prima frazione si chiudeva sul 2-1 per i ragazzi di Venturelli.

Anche nel secondo tempo gli avversari restavano incollati alla Bergamo Alta che, subita un’altra rete in avvio, restava concentrata e riusciva a portarsi sul 2 a 3 grazie ad una rete di Crivelli e a pareggiare i conti con Pelizzoli. Sul tre pari sempre Crivelli decideva che era giunto il tempo di invertire la tendenza e portava Bergamo sul più uno, siglando la quarta rete. Subìto nuovamente il pareggio (4-4) , Andrea Pelizzoli ristabiliva le distanze con una fucilata dai 7 metri, sulla quale il portiere di Modena nulla poteva. Il secondo tempo terminava con il team orobico in vantaggio per 5 reti a 4.

Alla ripresa del gioco Bergamo provava il primo consistente allungo con Delic che segnava la rete del 6 a 4. Modena, indomita, ancora una volta riagguantava il pareggio, ma immediatamente veniva ricacciata indietro grazie ad una sequenza di due reti, la prima di Regonesi e la seconda, quella dell’8 a 6, di Pelizzoli che, nuovamente dalla distanza, esplodeva un tracciante diretto all’incrocio dei pali. Gli avversari, tuttavia, non mollavano la presa e tornavano a far sentire il proprio fiato sul collo di Bergamo, portandosi sul 7 a 8. In questa fase ci metteva del suo il portiere orobico Canova, ottima la sua gara, che si esibiva in alcuni interventi determinanti e manteneva gli avversari a distanza.

Pertanto, neutralizzati alcuni buoni attacchi di Modena, sempre ordinata, solida e determinata, Bergamo ancora una volta ne frustrava le intenzioni e tornava a ricostruire un vantaggio più consistente con Crivelli e Sessantini. Il primo metteva a segno la rete del 9 a 7 e il secondo quella del 10 a 8, dopo l’ottava segnatura del “sette” modenese veramente mai domo.

L’ultima frazione si apriva con un goal di Crivelli seguito da due realizzazioni dei ragazzi di Venturelli. A metà del quarto tempo, quindi, la Bergamo Alta si trovava sull’11 a 10 con Modena ancora in scia. Pelizzoli, allora, si esibiva in un gesto tecnico di assoluto pregio e, ricevuta palla al centro, si metteva il marcatore alle spalle e incrociava sul secondo palo un tiro secco che fulminava il portiere avversario sul palo più lontano. Nonostante Bergamo fosse di nuovo sul più due (12-10) e con non più di tre azioni a disposizione prima del fischio finale, Modena caparbiamente insisteva agguantando l’11 a 12.

Con il possesso della palla con quaranta secondi al termine e messo di fronte alla possibilità di subire un eventuale pareggio negli ultimi 10 di gara, Pelizzoli, oggi veramente determinante insieme a Crivelli, optava per la soluzione migliore e segnava il suo quinto goal personale, fissando il punteggio finale sul 13-11 in favore della Bergamo Alta.

 Ora il “settebello” orobico occupa, in solitaria, il quinto posto in classifica con un rassicurante vantaggio sulla terz’ultima posizione ( e quindi sulla zona play out) e ha un distacco di un solo punto dal quarto posto assoluto valido per i play off promozione, occupato, al momento, dal Quinto. Le ultime tre giornate della regular season chiariranno se la Bergamo Alta andrà in vacanza a fine maggio oppure giocherà l’entusiasmante avventura degli spareggi promozione per la A1, già vissuti nella stagione 2006.

Matteo Canova(nella foto)  che contro il Modena ha sostituito in porta Federico Epis, è stato uno dei protagonisti. Ogni volta che sei stato chiamato in causa non hai mai deluso! Qual è il segreto?

“Mi impegno sempre al massimo in allenamento e cerco di sfruttare tutte le occasioni che mi si presentano. In sostanza ci metto molta passione”.

Scommetto che tu e Epis siete grandi amici.

“E’ vero, c’è grande complicità. Siamo cresciuti insieme dalle giovanili e quando uno dei due gioca l’altro non prova alcuna invidia. E’ ovvio che a nessuno piace arrivare secondo, ma quello che decide l’allenatore è sacro”.

Ad oggi non c’è la certezza matematica, ma se nelle ultime tre giornate non perderete tutti gli incontri è probabile che la salvezza venga raggiunta. Se invece si verificassero una serie di circostanze favorevoli anche i play off sarebbero a portata di mano.

“Vogliamo stare con i piedi per terra, conosciamo i nostri limiti. Comunque sperare non costa nulla”.

Come altri portieri anche tu sei arrivato tra i pali dopo aver fatto esperienza fuori porta?

“In effetti, da ragazzino, ho iniziato come centro vasca, poi l’allenatore mi ha chiesto di provare in porta e dai pali non sono più uscito”.

Fabrizio Carippo(nella foto), attaccante del Modena, oggi ha realizzato per la sua squadra una cinquina.

Qual è il tuo giudizio sul match appena concluso e in particolare sulla formazione della Bergamo Alta?

“Bergamo ha giocato in scioltezza, anche perché la posizione di classifica l’ha avvantaggiata sotto l’aspetto psicologico. Inoltre in formazione ci sono giocatori esperti che sanno dettare i ritmi partita e che fisicamente si fanno sentire”.

Ho visto che l’impostazione delle due squadre nel corso del match è stata speculare.

“Sì, ci siamo disposti entrambi a zona M. Questa impostazione difensiva in serie A2 paga parecchio visto che si incontrano anche giocatori non espertissimi e che alla lunga lasciano dei varchi per l’attacco o che consentono ai difensori, al momento di riavviare l’azione, di portare la controfuga verso la porta avversaria”.

Nonostante una buona gara, oggi non siete riusciti ad aggiungere punti alla vostra classifica.

Come affronterete i prossimi match, sempre con la grinta mostrata questa sera?

“Non c’è dubbio, per noi da qui alla fine saranno tutte finali”.

Emanuele Foresti(nella foto), che ha osservato un turno di riposo per la squalifica comminatagli, ha potuto seguire il match dalle tribune e farsi un’opinione della gara libera dai conseguenti coinvolgimenti.

Modena mi è sembrata squadra solida e ordinata.

“Sì, inoltre rispecchia la mentalità dell’allenatore bonariamente chiamato il “killer delle acque clorate”. Venturelli (che è un amico, ndr) trasmette alle squadre che allena la sua grinta, senza comunque mai eccedere, sia chiaro! Modena resta una formazione con grande fair play”.

Gara combattuta quella di stasera.

“Nelle prime frazioni di gioco i ragazzi hanno limitato l’esuberanza di Modena e poi, una volta passati in vantaggio, hanno gestito al meglio l’incontro. Loro si giocavano buona parte della stagione, ma la qualità della Bergamo Alta alla lunga è venuta fuori”.

C’è da dire che ogni volta in cui il portiere Canova è stato chiamato in causa ha sempre ben figurato.

“Canova è stato sempre pronto ogni volta che è stato necessario il suo apporto. E non è facile. Un conto è allenarsi sapendo di giocare mentre è diverso dover scendere in vasca all’ultimo momento”.

Oggi i “senatori” hanno preso per mano la squadra.

Pelizzoli e Crivelli su tutti. Grande prestazione di entrambi”.

Sessantini sta facendo una stagione ottima e, oltretutto, quando occorre va anche al centro in posizione di centroboa con buoni risultati.

“Matteo ha fatto il salto di qualità che ci si aspetta da lui e ora fa la differenza. Le qualità le ha sempre avute, ora ne ha la consapevolezza”.

La salvezza dovrebbe essere raggiunta e i playoff sono ad un punto di distanza.

“La salvezza va bene, ma io punto ai playoff! Con il risultato odierno è d’obbligo puntare più in alto

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI