TENNIS VIP 2016. OGNI ANNO LA TRADIZIONE DELLA SOLIDARIETA’

tennis vip

Cividino, 20 maggio 2016

TENNIS 2016, UNA PARTENZA BACIATA DAL SOLE

Inizio baciato, inizio fortunato? Rivedendo e ribaltando il più classico dei proverbi parrebbe proprio di sì.

Sui campi del Centro Sportivo Mongodi di Cividino il meteo deve avere strizzato l’occhio, premiando così

l’intenso ed incessante lavoro dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà. Uno start decisamente

stuzzicante, studiato per ripresentarsi con il make up delle grandi occasioni senza lesinare il bis in fatto di

romantica nostalgia tennistica. Alzi la mano chi, vedendo in campo la competizione a squadre, non ha

pensato neppure per un attimo ai big della racchetta. E così, dopo il successone dello scorso anno, la 2^

Coppa Fondazione Credito Bergamasco ha ripresentato, rigorosamente in salsa bergamasca, sfide incrociate

capaci di azzerare il tempo: Ashe-Sampras, Nastase-Vilas, McEnroe-Rosewall, Panatta-Agassi, Wilander-

Becker, Connors-Lendl. Tra le righe però è facile svelare l’arcano, snocciolando – sfida per sfida – anche

soltanto i nomi dei capitani: Ciro Bresciani-Marco Morotti, Olivia Angelucci – Gianluigi Galimberti, Mario

Previtali-Oscar Magoni, Diego Locatelli-Ermanno Viscardi, Adriano Latini – Luca Chiesa, Cristian Schillaci

– Antonio Viscardi.

Capitolo a parte, per questioni di attualità atalantina, merita invece Tullio Gritti vice dell’allenatore del

Genoa Gasperini, tra i candidati per la successione di Reja: ”Il contratto prevede altri due anni – dice – , al

momento siamo in attesa di capire le intenzioni del presidente Preziosi (che avrebbe già scelto Juric per la

prossima stagione). Credo che nell’arco di una settimana sapremo di più sul futuro”.

Tornando alla terra rossa, i motori sono già sembrati a pieni giri, anche per ciò che concerne qualche grosso

calibro: Bonacina, Facchetti, Sacchetti, Penzo, Mutti, Ielpo e Savoldi, giusto per citarne alcuni mentre, a

corollario andavano in scena i primi incontri sia del 25° Trofeo Achille e Cesare Bortolotti sia del singolare

B (Terzo Trofeo Franco Morotti). Ma, come detto, la temperatura ideale non ha portato sorrisi soltanto sul

rettangolo di gioco: un boom di presenze è stato il miglior biglietto da visita per inaugurare putting green e

burraco, altri due capisaldi della kermesse.

Il ritrovo di tanti amici, l’antipasto più gustoso in vista del primo piatto: una settimana che, già da lunedì,

promette un menù che più succulento non si può. Da un pezzetto della Nazionale italiana di oggi nonché

dell’Atalanta di ieri, Massimo Carrera a due “Pierluigi nerazzurri” del passato che hanno saputo guadagnarsi

le luci della ribalta (Pizzaballa-Orlandini) fino a chi è entrato nel mito a marce sempre alte ovvero Giacomo

Agostini. Il fiore all’occhiello, molto più che un dulcis in fundo, è servito con il campione del mondo di

discesa libera Peter Fill e un altro fuoriclasse della velocità sulla neve come Dominik Paris. Quella velocità

subito messa in campo da Giovanni Licini e dalla sua banda. Se l’incipit è questo, il consiglio spassionato è

di non mancare mai al centro Mongodi: ne vedremo delle belle.

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Related Posts



PER LA TUA PUBBLICITà SU BERGAMO SPORT NEWS CONTATTACI